Torino, Longo: "La nostra era una situazione complicatissima, forse qualcuno non se n'è reso conto"

02.08.2020 23:22 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Torino, Longo: "La nostra era una situazione complicatissima, forse qualcuno non se n'è reso conto"

Moreno Longo ha parlato al termine della partita pareggiata contro il Bologna ai microfoni di Torino Channel.

"Oggi la squadra ha tirato fuori una prestazione positiva, riuscendo a portare a casa il risultato. Siamo contenti di aver onorato un impegno che aveva poco valore per la classifica ma che contava tanto per noi".

C'è spazio per commentare il debutto di Celesia: "Sono contento per il suo esordio, ha buone prospettive, bisognerà aiutarlo nel suo percorso di crescita. Avrei voluto dargli più minuti ma la gara è stata in bilico fino alla fine”.

Parlando della sua esperienza sulla panchina granata, che sembra giunta alla fine, Longo ha sottolineato: “Il mio bilancio lo trovo positivo. La situazione non era complicata ma complicatissima. Forse qualcuno non si è reso conto del pericolo che abbiamo corso. Dall’interno abbiamo sentito davvero una grande preoccupazione per il raggiungimento di un obiettivo che non era affatto scontato. Voglio valorizzare questo risultato che è la salvezza raggiunta, un risultato che può permettere al Torino di riprogrammare il futuro dalla Serie A”.

Longo ammette di aver pensato anche all'Europa: "Quando sono arrivato era nella mia testa e di quello di tutto lo staff. Poi abbiamo preso atto della situazione e di quel che c’era da fare, e l’obiettivo poteva essere solo la salvezza. Che si raggiunge facendo punti anche in modo sporco, con pragmatismo e cattiveria, vincendo gli scontri diretti. La rosa era piuttosto risicata e abbiamo scelto appositamente di rinunciare a qualche big in gare importanti per centellinare le forze e puntare sulle partite che dovevamo assolutamente vincere".