Torino, Aina apre il tesoretto delle cessioni per il regista: ma bisogna accelerare

08.09.2020 09:45 di Emanuele Pastorella   Vedi letture
© foto di Image Sport
Torino, Aina apre il tesoretto delle cessioni per il regista: ma bisogna accelerare

E’ stata una trattativa lampo, l’operazione si è sbloccata nel week-end: Ola Aina è a un passo dal Fulham, il laterale nigeriano tornerà in Inghilterra. Era arrivato nel 2018, dopo due anni riparte dalla Premier League con una potenziale plusvalenza per il presidente Urbano Cairo. Il club di via Arcivescovado lo aveva riscattato per una decina di milioni di euro, ora tra prestito oneroso, riscatto e bonus si arrivare a circa 14 milioni. E’ una questione di dettagli, poi Aina passerà dal granata del Toro al bianconero del Fulham: sarà la prima cessione per finanziare altri colpi in entrata. Già, perché quella del classe 1996 potrebbe non essere l’unica partenza. Resta in bilico Armando Izzo, corteggiato sempre da Fiorentina e Inter, così come Iago Falque: lo spagnolo, rientrato dal prestito al Genoa, interessa al Benevento ed è tentato dagli Emirati Arabi. E poi si vorrebbe monetizzare il più possibile da un’eventuale cessione di Lyanco, il centrale brasiliano pupillo di Sinisa Mihajlovic. Il Bologna resta sempre un’ipotesi, l’interessamento dello Sporting Lisbona sembra essersi attenuato dopo le altissime richieste del presidente Cairo. 

E’ da queste pedine che si cerca il tesoretto per il il grande colpo in mediana, andando a caccia dell’uomo d’ordine tanto invocato e richiesto da Marco Giampaolo. “Rincon si sta adattando bene in quel ruolo” aveva dichiarato il numero uno del club Urbano Cairo, ma è evidente che nella zona nevralgica del campo di sia bisogno di un salto di qualità. Il sogno resta sempre Lucas Torreira: l’uruguayano ha ormai rotto con l’Arsenal, ma le richieste dei Gunners per il suo cartellino e del giocatore per l’ingaggio sono estremamente alte. E’ il pupillo del tecnico ma a determinate condizioni sarà difficile arrivare al classe 1996 con un passato alla Sampdoria, mentre ieri si è ingarbugliata anche la situazione di Fausto Vera. “Siamo entrati in impasse con il Toro, la trattativa è in un vicolo cieco per motivi economici” ha spiegato il patron dell’Argentinos Juniors, Cristian Malaspina, a un’emittente locale. Resta sempre in orbita granata, seppur meno insistentemente rispetto a qualche settimana fa, il profilo di Lucas Biglia, l’argentino del 1986 rimasto svincolato dopo le tre stagioni disputate con il rossonero del Milan. Il tempo, però, passa, e ormai mancano soltanto undici giorni all’esordio in campionato contro la Fiorentina.