Sembra una missione impossibile quella del Torino contro il Milan … ma c’è un dato confortante

25.10.2022 11:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Pellegri, Aina e Buongiorno
TUTTOmercatoWEB.com
Pellegri, Aina e Buongiorno
© foto di www.imagephotoagency.it

Leggendo la classifica il risultato di Torino-Milan sembra scontato: vittoria per i rossoneri. La squadra di Pioli ha quasi il doppio dei punti di quella di Juric, 26 a 14, ha vinto il doppio delle partite, 8 a 4, i pareggi sono identici, 2, ma le sconfitte decisamente no, 1 a 5, per non parlare dei gol realizzati che sono il dato più inquietante, 24 a 10, mentre è decisamente più confortante quello delle reti subite, 11 a 13. E’ proprio il numero di gol incassati dal Milan, media di uno a partita, che può essere il punto di partenza del Torino affinché non sia scontato il risultato domenica sera. Può sembrare poco, ma non è detto. Per quanto il Torino faccia fatica a segnare, il fatto che finora abbia realizzato meno di una rete a gara lo dimostra senza ombra di dubbio, negli ultimi due match, Coppa Italia e campionato, di gol ne ha fatti 6 ed ha alzato decisamente la media. E’ vero che 4 li ha rifilati al Cittadella, formazione di medio-bassa Serie B, ma si sa che quando una squadra inizia a sbloccarsi poi tutto può essere più agevole, tanto più se finalmente c’è un attaccante che comincia a ingranare e a fare gol con regolarità.

Pietro Pellegri ha infatti martedì scorso realizzato la seconda rete che ha messo il risultato in sicurezza e permesso poi al Torino di dilagare e domenica contro l’Udinese, squadra rivelazione di questa prima parte di campionato, ha segnato il gol che ha riportato i suoi in vantaggio e che è valso la vittoria finale. Due gol importanti e determinanti senza possibilità di smentita. Il Torino del dopo Belotti non aveva ancora trovato un bomber, ovviamente Pietro deve continuare a segnare, ma adesso qualche speranza in più c’è che ci sia finalmente il centravanti che mancava. Se la mala sorte non frenerà Pellegri mettendogli i bastoni fra le ruote, come troppo spesso ha fatto negli ultimi anni costellati da infortuni, i piedi fatati dell’attaccante guidati dal fiuto per il gol e dalla voglia di sfondare potranno regalare a lui e al Torino soddisfazioni.

Sembrava quasi impossibile che il Torino tornasse da Udine con punti e ancor di più vincente, ma il pronostico è stato ribaltato dai granata. Il Milan è indubbiamente forte e lo è più del Torino, però fargli gol è possibile per cui qualche speranza c’è di non farlo uscire dal Grande Torino con il bottino conquistato, soprattutto se i granata non commetteranno sciocchezze difensive e se Pellegri continuerà a segnare.