Rivoluzione Toro, ma senza esagerare

12.08.2020 06:32 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Rivoluzione Toro, ma senza esagerare

Il Toro di Giampaolo deve ancora prendere forma e non c'è molto tempo a disposizione, soprattutto se bisogna rifondare la squadra, per plasmarla ai voleri del nuovo allenatore. Si parla di alcuni giocatori della Sampdoria, in primis Linetty, di alcuni milanisti, come Krunic e Rodriguez, che sono ovviamente ottimi giocatori, ma forse è il caso anche di ragionare che alcuni giocatori attuali andrebbero trattenuti, anche per quello che hanno dato nei loro anni in granata, come Ansaldi per esempio, che ancora non ha rinnovato e lui vorrebbe rimanere. Il nodo è l'ingaggio, 1,4 annuali sono tanti da confermare per un elemento che è sulla soglia dei 34 anni ed è spesso infortunato, per questo si starebbe lavorando per ridurre lo stipendio annuale, magari aggiungendo dei bonus in base alle presenze e ad altri fattori.

L'esterno argentino sa adattarsi a molti ruoli e in 76 presenze ha segnato 9 reti con 7 assist, non male per un difensore prestato al centrocampo. In questo anno buio lui spesso ha tenuto a galla la squadra, dando la carica fuori e dentro al campo, in più essendo molto duttile, può adattarsi anche ad un nuovo mister, avendolo fatto con Mihajlovic, con Mazzarri e poi con Longo.

Quindi cambiare una squadra che ha fallito una stagione va bene, ma come si dice, senza esagerare, gli elementi che hanno rispettato la maglia che portano vanno sempre tenuti in considerazione.