Ombre bianconere su Sirigu: così il Toro comincia a cercare un portiere

10.06.2021 10:15 di Emanuele Pastorella   Vedi letture
Ombre bianconere su Sirigu: così il Toro comincia a cercare un portiere
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Domani comincerà il suo Europeo: non lo vivrà da protagonista, essendo il secondo di Gigio Donnarumma, e rischia di essere la sua ultima grande kermesse con la Nazionale in carriera, tra motivi anagrafici e portieri in rampa di lancio. Nella testa di Salvatore Sirigu, però, c’è spazio anche per il futuro, con un contratto in scadenza nel 2022 che impone alle riflessioni. L’ambizione di sbarcare nuovamente in una big è grande, rivivere le emozioni dei cinque anni al Psg con gare internazionali sta smuovendo il classe 1987.

Tra le vie di Torino, pur senza conferme dai diretti interessati, è cominciata a circolare una voce clamorosa: la Juventus starebbe pensando proprio a Sirigu come vice- Szczesny, l’attuale portiere granata raccoglierebbe così l’eredità di Gigi Buffon. Al momento sembra fantacalcio, ma è ben più concreta la possibilità che il matrimonio tra il club di via Arcivescovado e l’estremo difensore termini con dodici mesi di anticipo rispetto alla naturale scadenza del contratto.

Così, il Toro sta cominciando a scandagliare anche il mercato dei portieri: dopo i trequartisti e le prime punte, il dt Davide Vagnati studia a chi affidare i pali nella squadra di Ivan Juric. Troppo azzardato promuovere a titolare Vanja Milinkovic-Savic, sempre che si trovi una quadra per il rinnovo di un contratto in scadenza a fine mese, ed ecco perché in caso di partenza Sirigu ci sarà un nuovo numero 1.

Grandi attenzioni sono rivolte a Benevento e a Lorenzo Montipò, il classe 1996 per il quale basterebbero meno di cinque milioni per strapparlo al club sannita. Più ambiziosa la pista Alessio Cragno, può esserci un ritorno di fiamma per Luigi Sepe, Marco Sportiello resta nei radar, l’ultima idea porta Silvestri. Prima di tutto, però, va risolta la posizione di Sirigu, con i tifosi pronti all’insurrezione se davvero dovesse cambiare sponda del Po dopo quattro anni in granata