Le pagelle di Shakhtyor-Torino: Zaza che gol! Bene Bonifazi

15.08.2019 21:18 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Simone Zaza
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Simone Zaza

Sirigu: 6 La traversa lo ha salvato sul tiro a giro da dentro l’area di Ebong dopo quattro minuti, ma attento sul suo palo sul tiro di Balanovich due minuti dopo. Per il resto tutti i tiri nello specchio li fa suoi. Peccato per il fallo su Yanush perché è in ritardo nell’uscita, ma anche i difensori potevano fare di più per proteggerlo, e poi non gli riesce il miracolo di parare il tiro dal dischetto indirizzato sotto la traversa dallo stesso Yanush.

Bonifazi: 6,5 Superato l’inizio quando tutti i granata hanno un po’ patito la pressione dei bielorussi  e lui non è riuscito a fermare Ebong, ha dimostrato sicurezza difensiva e ha saputo anche spingere quando se ne creava la possibilità. Buona l’imbeccata per Rincon che il venezuelano non ha saputo sfruttare a dovere.  (dal 83‘Singo: n.g.)

 Nkoulou: 7 All’inizio si fa superare da Balanovich poi torna ad essere il difensore affidabile tanto apprezzato da tutti. Dirige i giovani compagni di reparto Bonifazi e Bremer dall’alto della sua esperienza.   

Bremer: 5,5 Qualche volta quando va in anticipo eccede nella sicurezza nei suoi mezzi, deve imparare anche a controllare l’avversario lasciandogli la palla.  

De Silvestri: 6 Come al solito presidia la sua fascia di competenza. Nella ripresa non il tiro vincente a conclusione di una ripartenza.

Lukic: 5,5 Alla prima partita da titolare non riesce subito a trovare la posizione e a dare la spinta che sa dare in fase d’impostazione. Migliora un po’, ma non è ancora ai livelli della fine del campionato scorso.

Rincon: 5 Come il compagno di reparto Lukic non riesce a trovare la posizione e la squadra patisce un po’ le difficoltà del centrocampo. Troppo spesso è in ritardo sulla palla. Un po’ meglio nella ripresa quando entra un po’ di più in partita. Da dimenticare il tiro su input di Bonifazi affrettato senza motivo (31’).

 Meïté:6 Si fa apprezzare per alcune giocate in mezzo a più avversari grazie anche al suo fisico, ma non sempre i suoi passaggi sono precisi. Cala un po’ alla distanza. E’comunque il migliore a centrocampo.

Ansaldi:6 Prende per mano la squadra per farla riprendere dopo il pressing iniziale dei bielorussi. Come sempre fa il suo sulla fascia e prova a spingere quando può.  Sbaglia al momento della sostituzione il punto di uscita attraversando tutto il campo con calma, le nuove regole dicono di uscire nel punto più vicino, e si becca il cartellino giallo. (dal 62‘Aina: 6 E’ appena rientrato dalle vacanze posticipate per gli impegni in Coppa D’africa, ma un paio di sgoppate ben auguranti le fa).

Belotti: 6 Non ha avuto grandi opportunità per segnare, ma ci si aspettava un “Gallo” che volesse cantare anche a Minsk ricercando il gol con più tenacia, ma con le difficoltà a centrocampo forse si è un po’ auto-frenato nel timore di sbilanciare troppo la squadra. Generoso come al solito nell’aiutare i compagni quando serve. (dal 76‘Millico: n.g.)

Zaza:7 Il dialogo con Belotti non sempre è stato preciso. Ricerca il gol come già all’andata e alla fine lo trova, ma ha anche poche occasioni da sfruttare. Belli i due dribbling, il secondo con colpo di tacco, a liberarsi degli avversari e preciso nell’indirizzare la palla nell’angolino dove il portiere avversario non ci poteva arrivare. Sul finire del primo tempo si è fatto gabbare dai dribbling del portiere Klimovich sulla linea laterale e non l’ha presa bene, ma è stato bravo a sapersi trattenere e a non fare fallo visto che è in diffida e questo gli vale mezzo voto in più in pagella.   

Mazzarri: 6 Forte del cinque a zero dell’andata ha lasciato in panchina Baselli, al quale nelle gare precedenti aveva assegnato il ruolo di regista arretrato davanti alla difesa, e l’assenza di Daniele si è fatta un po’ sentire soprattutto all’inizio. Rincon e Lukic alla prima gara da titolari non riuscivano a trovare la posizione e sono stati poco incisivi in fase d’impostazione, sono un po’ migliorati con il proseguire della gara, però, il centrocampo non ha dato quell’equilibrio che serve. Come aveva in testa ha messo anche Aina nella ripresa. Sicuramente adesso ha maggiori informazioni su chi è arrivato dopo.

SHAKHTYOR: Klimovich: 6, Matveichik: 6, Khadarkevich: 6, Rybak: 6 (dal 67‘Burko: 6), Antic: 6, Selyava: 6, Szoke: 6,5, Kovalev: 5,5, Ebong: 6,5, Balanovich: 5,5 (dal 85‘Bodul: n.g.), Bakaj: 5,5 (dal 76‘Yanush: 6,5).
Tashuyev: 6

Arbitro Petrescu: 6 La partita non presenta particolari difficoltà e applica alla lettera le nuove regole sull’uscita dei giocatori quando sono sostituiti ammonendo Ansaldi che attraversa lentamente tutto il campo.