Le pagelle di Fiorentina-Torino: Sanabria poco incisivo. Zapata non sempre brillante così come Lazaro. Pellegri voglioso. Vlasic privo di spunti vincenti. Bene Bellanova e Buongiorno. Vanja tra luci e ombre

29.12.2023 21:40 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Esultanza di Ranieri
TUTTOmercatoWEB.com
Esultanza di Ranieri
© foto di www.imagephotoagency.it

Milinkovic-Savic: 5,5 Sul cross di Kayode doveva uscire: il tiro era lento! Bene invece quando è stato reattivo dopo che era stato anticipato da Ikoné sul retropassaggio sabagliato di Tameze. Ha lanciato lungo (16’). Biraghi ha toccato corto la punizione per Milenkovic con un tiro forte ha centrato la sua barriera e sulla successiva rimessa laterale la sua difesa ha  intercettato il cross di Kouamé (19’). La sua difesa ha chiuso in angolo Beltran, che era stato servito da Kouamé che aveva saltato due avversari (30’). Biraghi ha battuto la punizione, sinistro a rientrare, mettendola in mezzo e la sua difesa ha respinto e poi Duncan ha tentato la conclusione dalla distanza (36’). L’uno-due tra Kouamé e Beltran è stato interrotto dai suoi (38’). Biraghi ha calciato l’angolo a rientrare con la palla che dopo una deviazione ha attraversato lo specchio della porta finendo in fallo laterale dalla parte opposta (40’). Ikoné ha toccato per Kouamé che ha crossato debolmente  e lui ha fatto sua la palla (41’). Sul cross di Kayode, Bonaventura in torsione di testa ha indirizzato verso il secondo palo, ma non ha trovato la sua porta (42’). Ha negato il gol a Ikoné, conclusione con il destro, arrivando sul pallone con la mano dopo che l’avversario lo aveva anticipato su un retropassaggio sbagliato di Tameze (43’). Arthur battendo la punizione ha aperto per Duncan che ha calciato in mezzo  per Kouamé che in torsione di testa non ha trovato lo specchio della sua porta (56’). Biraghi ha battuto la punizione indirizzandola in mezzo, ma Beltran per l’arbitro era stato l’ultimo a toccare il pallone prima che finisse oltre la linea di fondo (64’). Mandragora ha dato in profondità a Nzola che ha visto l'inserimento di Ikoné che non ha trovato l’attimo per controllare la sfera al limite e concludere (65’). Biraghi ha fermato la ripartenza di Zapata e con una bordata da 40 metri che ha cercato di sorprenderlo, ma lui ha fatto sua la palla (72’). Dancan ha calciato dalla bandierina e Mandragora ha tentato la conclusione da fuori area con la palla che è stata deviata sul fondo (82’). Kayode ha crossato lento sul secondo palo e Ranieri, lasciato incontrollato con Sanabria che ha ostacolato un po’ Vojvoda, di tuffo di testa ha insaccato: la palla non era particolarmente veloce e lui poteva fare qualche cosa in più per intervenire magari uscendo (83’). Il cross di Kayode è stato respinto dalla sua difesa (90’+2’).

Tameze: 6 Qualche rischio lo ha corso in alcune occasioni, ma per il resto il suo lo ha fatto. Ha tolto la palla a Kouamé che stava avanzando (4’). Ha intercettato recuperando palla la verticalizzazione di Bonaventura per Beltran (34’). Ha sbagliato il retropassaggio per Vanja e Ikoneé si è impossessato della palla (43’). Biraghi ha servito Milenkovic che ha fatto da torre per Kouamé che è stato anticipato da un avversario e poi la palla è finita a Bonaventura, ma lui ha respinto la conclusione  col sinistro dal limite dell’ex Milan (61’). Kouamé con una gomitata involontaria lo ha colpito in faccia (70’). (Dall’ 87’ Seck: n.g.).

Buongiorno: 6,5 Ha controllato Beltran rendendolo quasi sempre innocuo, ci ha messo un pochino a prendere le misure a Nzola poi però non  gli ha concesso nulla. Kayode ha verticalizzato per Beltran, ma lui ha letto bene la situazione e dopo aver recuperato il pallone ha alleggerito per Vanja (8’). Ha verticalizzato per Vlasic (27’).  

Rodriguez: 6 Ha dovuto vedersela con Ikoné e nel complesso lo ha controllato. Ha duellato per impossessarsi della palla con Ikoné e ha avuto la meglio (57’).

Bellanova: 6,5 Sta migliorando la precisione dei cross, ma deve ancora lavorarci. Ha impegnato Biraghi costringendolo a controllarlo. Ha crossato morbido in mezzo (2’). Altro cross, ma questa volta Duncan lo intercetta e allontana (3’). Un altro cross (4’). Il suo cross è risultato troppo alto per tutti (34’). Ha crossato,  ma troppo alto per tutti e la palla è finita  Lazaro (74’). (Dal ‘78 Vojvoda: n.g. In occasione del gol di Ranieri avrebbe dovuto controllarlo, anche se forse è stato un po’ ostacolato da Sanabria (83’). Ha calciato di piatto in porta, ma debolmente per impensierire Terracciano (90’+6’)).  

Ricci: 6 Si è occupato di più della fase difensiva e ha fatto a sportellate con Bonaventura ed è apparso in crescita. Con un bellissimo passaggio ha dato palla a Zapata (25’). (Dal ‘62 Linetty: 6 E’ stato utile nel gestire la palla e nel dare un maggiore ordine a centrocampo).

Ilic: 6  Un primo tempo di discreto livello, ma anche lui è calato nella ripresa. Ha calciato la punizione dalla trequarti, ma il sinistro a giro è finito altissimo sopra la traversa (6’). Kouamé ha dato a Beltran in area e lui è riuscito riesce a togliergli la palla e a sventare un pericolo (31’).

Lazaro: 5 Ha patito un po’ Kayode e nella ripresa ha spinto poco. Dopo essere sfuggito  Kayode, Ranieri in anticipo su tutti ha spazzato la sua palla (28’). Sulla sponda fortunosa di Zapata, da in mezzo all’area ha concluso col destro al volo, ma Terracciano ci è arrivato con la mano e gli ha negato il gol (37’). Kayode ha guadagnato un calcio d'angolo facendogli rimpallare la palla sulla gamba (39’). Il suo calcio d’angolo indirizzato sul primo palo è stato respinto dalla difesa avversaria (51’). Ha indirizzato la palla di Bellanova nell’area piccola (74’).      

Vlasic: 5 Si muove, ma non sempre lo fa in modo completamente produttivo e soprattutto fa fatica a trovare il guizzo vincente. E’oltretutto calato nella ripresa. Ikoné ha impedito che desse il via a un’azione offensiva (11’). Sulla verticalizzazione di Buongiorno, ha sfruttato lo spazio per dare palla bassa a Zapata (27’). Ranieri lo ha anticipato respingendo la palla sul cross di Zapata (74’). Ha dovuto lasciare il campo dopo uno scontro involontario con Milenkovic (77’). (Dal ‘78 Djidji: n.g. Milenkovic in scivolata lo ha anticipato prima che crossasse (80’)).

Pellegri: 6 Che sia un attaccante di ruolo lo si vede per la voglia che ha nel cercare il gol, nella ripresa pure lui però è calato, ma era da tempo che non giocava una partita da titolare. Preferito da Juric a Sanabria Di testa ha girato in porta il cross di Bellanova senza imprimere particolare forza e Terracciano senza problemi ha fatto sua la palla (2’). Su questo nuovo cross di Bellanova non arriva ad impattare con la palla (4’). Non è arrivato sul lancio lungo di Vanja (16’). (Dal ‘62 Sanabria: 5 Decisamente poco incisivo. Sul cross di Lazaro, Terracciano in uscita lo ha anticipato (74’). In occasione del gol di Ranieri forse ha un po' ostaclato Vojvoda (88')). 

Zapata: 5,5 Milenkovic gli ha tenuto il fiato sul collo e lui non sempre è riuscito a liberarsi dalla marcatura stretta per agire come sa. Non sempre brillante negli spunti. Su un rinvia sbagliato di Terracciano si è ritrovato la palla e l’ha subito calciato in porta facendola finire di poco fuori, ma era in fuorigioco segnalato dall’assistente di La Penna (23’).  Sulla deliziosa palla di Ricci, di testa ha concluso, ma Terracciano è riuscito a respingere con i pugni (25’).  Ranieri lo ha anticipato sulla palla bassa di Vlasic (27’). Ha fatto di fortuna sponda per Lazaro (37’). Ha inseguito Kayode fino alla propria bandierina e in scivolata gli ha rubato palla (59’). Ha messo la palla crossando sul dischetto del rigore (74’)

Ivan Juric: 5,5 Finale d’anno amaro per la sconfitta al Franchi dopo quattro gare in cui i suoi erano sempre riusciti a conquistate punti. La difficoltà a fare gol della sua squadra è un problema che si fa sempre più grave.
Ai lungodegenti Schuurs e N’Guessan si è aggiunto Zima per un acciacco e precauzionalmente non lo ha convocato. Per il resto la novità più grande è in attacco con Pellegri preferito a Sanabria per fare coppia con Zapata. A sostenere le due punte Vlasic. Sulle fasce Bellanova a destra e Lazaro a sinistra preferito a Vojvoda. In mezzo al campo Ricci e Ilic, con Linetty pronto a subentrare. Linea difensiva solita con Tameze, Buongiorno e Rodriguez. In porta Milinkovic-Savic.
La sua squadra sin dal fischio iniziale è stata aggressiva, ha fatto la partita impostando dal basso, occupando bene tutte le zone del campo e attaccando soprattutto da destra e la Fiorentina, apparsa compassata, lenta e con un fraseggio abbastanza prevedibile, faticava a uscire dalla propria metà campo anche perché i suoi chiudevano agli avversari le linee di passaggio. Pellegri e soprattutto Zapata e Lazaro sono andati vicini al gol, ma poi la Viola ha reagito e solo la reazione di Vanja sulla conclusione di Ikoné ha evitato il peggio.
Nella ripresa la squadra di Italiano è entrata in campo più agguerrita e la situazione si è ribaltata con i suoi che faticavano a uscire dalla loro metà campo, ma i viola non sono comunque riusciti a creare veri pericoli dalle parti di Vanja fino al gol partita di Ranieri (83’). Purtroppo la sua squadra non è riuscita a ripetersi nel secondo tempo e anche i cambi non sono serviti per apportare un qualche cosa in più. Anche dopo aver subito il gol i suoi, seppur ci fosse pochissimo tempo, non sono riusciti a reagire.    

FIORENTINA: Terracciano: 6,5; Kayode: 6; Milenkovic: 6,5; Ranieri: 7; Biraghi: 5,5 (dal ‘78 Parisi: n.g.); Arthur: 5 (dal ‘64 Mandragora: 5,5); Duncan: 6; Ikoné: 5,5 (dall’ 88’ Sottil: n.g.); Bonaventura: 6 (dall’88 ’ Martinez Quarta: n.g.); Kouamé: 6,5; Beltran: 5 (dal ‘64 Nzola: 6).
Vincenzo Italiano: 6,5.

Arbitro Federico La Penna: 5,5 Partita con parecchi falli e quindi non facilissima da gestire e lui qualche difficoltà l’ha avuta, ma nel complesso è stato equo nelle decisioni. Ha ammonito Biraghi per un fallo su Bellanova che lo aveva bruciato in velocità (24’). Ha fischiato un fallo in attacco a Beltran dopo un contatto con Buongiorno con il giocatore della Viola che non ha ritenuto giusta la sua decisione (29’).  Beltran ha finito per fare fallo di mano cercando di stoppare una rimessa battuta lunga da Kayode e poi ha  protestato per una trattenuta di Buongiorno (45’+1’). Una manata di Bonaventura ha messo al tappeto Ricci, ma il Var non lo ha richiamato per un eventuale giallo all’ex Milan (48’). La Fiorentina ha protestato per un fallo di mano di Ricci in area, ma in precedenza c’era stato il fuorigioco di Duncan (54’). Ha mostrato il giallo a Ricci per aver tenuto il braccio largo in un contrasto con Bonaventura e averlo colpito al volto (55). Ha espulso per proteste Domenichini, il vice di Italiano (67’). Ha ammonito: Kayode per un’entrata in ritardo su Zapata (68’), Ranieri per lo stesso fallo su Bellanova (75’). Ikoné per non essere uscito, dopo la sostituzione, percorrendo il percorso più breve (87’), Djidji per un fallo su Parisi (89’).