Le pagelle di Cremonese-Torino: positivo l’impatto con la A di Schuurs. Radonjic e Vlasic due furetti. Linetty cosa ti sei mangiato!

27.08.2022 21:19 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Nemanja Radonjic
TUTTOmercatoWEB.com
Nemanja Radonjic
© foto di www.imagephotoagency.it

Milinkovic-Savic: 6,5 Incolpevole sul gol, per il resto attento. Nessun problema per lui sulla conclusione di destro dal limite dell’area di Orekeke perché la palla va alta sopra la traversa (11’). La sua difesa ha intercettato prima che arrivasse dalle sue parti il tiro da fuori area di Baez (20’). Ha respinto il tiro, non particolarmente pericoloso, dalla lunetta di Bianchetti (21’). Ha intercettato con facilità il colpo di testa di Aiwu arrivato sulla la punizione calciata da Baez sul secondo palo (36’). Su retropassaggio di Valeri, Baez gli ha messo i brividi con un diagonale che è uscito di pochissimo (41’). Non si è fatto sorprendere, reagendo con prontezza, dal sinistro di Dessers e ha mandato la palla in angolo (71’). Su sponda di Dessers, Sernicola ha approfittato di una mezza dormita di Vojvoda e ha concluso di interno sinistro mandando la palla all’incrocio dove era difficile per lui arrivarci (80’). La punizione dal limite, centrale, di Valri, calciata con il mancino e di potenza, si è infranta sulla sua barriera (83’). La punizione calciata dalla trequarti a giro da Buonaiuto è arrivata a Dessers, che si era inserito sul primo palo, che ha concluso mandando la sfera di poco oltre il palo alla sua destra (87’). Vasquez, dopo essersi accentrato, ha calciato con il destro, ma mandando la palla alta senza così creargli problemi (90’+1’). Ha bloccato a terra il mancino di Quagliata, servito al limite da Ciofani (90’+2’).

Schuurs: 6,5 Alla prima in Serie A se l’è cavata sia come braccetto di destra sia da centrale dimostrando di avere un discreto bagaglio e ha anche provato a spingersi in avanti. Ha respinto il cross basso di Dessers indirizzato verso il primo palo (9’). Una sua incursione ha armato Radonjic (48’). Di testa ha anticipato sul tiro a giro di Ciofani (89’). Dopo l’uscita dal campo di Buongiorno è stato posizionato in mezzo (70’).

Buongiorno: 6,5 Peccato per il cartellino giallo perché era stato sempre attento e preciso. E’ sempre più una certezza. Dopo aver perduto un duello con Buonaiuto lo ha trattenuto rimediano l’ammonizione (64’). (Dal ‘70 Djidji: 6 Dalla sua parte è difficile passare).

Rodriguez: 6,5 L’esperienza gli permette di andare in anticipo e di chiudere gli spazi con efficacia.

Singo: 6 Un altro giocatore rispetto a quello visto non convincente con la Lazio. Oggi ha giocato con la testa connessa sfruttando a dovere il fisico. Dal vertice destro dell’area ha concluso, ma il suo diagonale rasoterra è stato allontanato dalla difesa avversaria (6’). Ha saltato Valeri e ha messo in mezzo però Vasquez ha respinto (16’).

Linetty: 5,5 Cosa si è mangiato! Per il resto ha fatto il suo. Dopo aver ricevuto palla da Radonjic e una bella cavalcata che lo ha portato a tu per tu con Radu gli ha tirato addosso debolmente, sprecando una chiara occasione da gol (60’).

Ricci: 6,5 Sta diventando imprescindibile per la lucidità con la quale gestisce le situazioni.

Aina: 5,5 Meno incisivo del compagno Singo, ma comunque sul pezzo peccato però che ogni tanto si prende qualche pausa di troppo. Avanzando e indirizzando la palla a Radonjic ha dato il via all’azione che ha portato a sbloccare il risultato (17’). Servito da Vlasic, il suo mancino al volo è terminato alto (32’). (Dal ‘56 Vojvoda: 6 Croce e delizia. Ha fornito l’assist a Radonjic, ma ha anche fatto una colpevole dormita. Nell’azione del gol di Radonjic è andato sul fondo e ha restituito palla al compagno che ha segnato (65’). Non ha seguito Sernicola che ha accorciato le distanze (80’)).

Vlasic: 6,5 Il gol che ha sbloccato il risultato non gli è stato assegnato, ma c’è  tanto di suo e non solo in quell’occasione. Servito in area da Radonjic ha concluso, ma Radu ha bloccato a terra il suo tiro a giro un po’ troppo centrale (13’). Sul tiro di Radonjic deviato da Vasquez, ha superato Radu indirizzando la palla verso la porta e Bianchetti alla disperata per impedire il gol ha finito per fare autogol (17’). Servito da Radonjic, ha recapitato la palla a Aina (32’). Ha imbeccato Radonjic (42’).

Radonjic: 7 Un gol e un’altra partita di spessore. Si sta proprio impegnando a scrollarsi di dosso l’etichetta della discontinuità. Con un rasoterra ha servito in area Valsic (13’). Ha ricevuto palla da Aina ed entrando in area ha provato il tiro, ma Vasquez ha deviato (17’). Ha provato ad avanzare, ma è stato fermato (26’). E’ andato via in velocità e ha servito Vlasic (32’). Ha ricevuto palla da Vlasic e il suo tiro al volo è terminato sull’esterno della rete (42’). Dal fondo ha crossato in mezzo, ma Bianchetti è arrivato sulla palla prima di Sanabria (46’). A tu per tu con Radu il suo tiro a giro è stato bloccato dal portiere (48’). Sul contropiede partito da Sanabria ha lanciato Linetty (60’). Il suo tiro a giro di interno collo è andato alto (63’). Ha ricevuto palla e di tacco l’ha passata a Vojvoda che dopo essersi smarcato gliela ha restituita e così ha infilato Radu con un tocco sottoporta (65’). (Dall’ 85’ Likic: n.g.).

Sanabria: 5,5 Qualche sprazzo, ma nulla più. Ha imbeccato Aina (31’). Bianchetti è stato più rapido di lui e lo ha preceduto sulla palla al centro di Radonjic (46’). Ha dato palla a Radonjic che ha innescato Linetty (60’). (Dall’ 85’ Pellegri: n.g.).

Ivan Juric: 6,5 La sua squadra ha il suo imprinting, se poi gli arrivassero anche i giocatori che gli mancano il salto di qualità sarebbe assicurato.
Aveva detto che non avrebbe fatto grandi cambi rispetto alla partita precedente pareggiata con la Lazio e così è stato. La novità più grande è che ha fatto esordire Schuurs e che all’inizio ha mandato ad accomodarsi di nuovo in panchina Lukic. Buongiorno confermato al centro della difesa con Schuurs a destra e Rodriguez a sinistra a protezione di Milinkovic-Savic. Sulle fasce ha dato ancora spazio a Singo e Aina. In mezzo al campo ha posizionato Linetty e Ricci. Per il ruolo di punta il ballottaggio lo ha vinto Sanabria con alle spalle Vlasic e Radonjic.
Fin da subito i suoi hanno pressato la Cremonese e i trequartisti hanno provato a dialogare e a incunearsi nell’area avversaria, ma il risultato si è sbloccato per l’autogol di Bianchetti. Tanti lanci lunghi hanno recapitato palloni in avanti, ma non sono quasi mai stati sfruttati a dovere per mancanza di precisione nell’ultimo passaggio o nel tiro in porta. La Cremonese ha tentato di pareggiare però la linea difensiva e Vanja hanno fatto una  buona guardia.
Anche nella ripresa la sua squadra ha attaccato per mettere al sicuro il risultato riuscendoci con Radonjic. Poi però forse si è un po’ seduta, sentendosi un po’ troppo sicura del risultato, e ha lasciato più spazio agli avversari - il suo ammonimento della vigilia “se saremo rilassati prenderemo cinque gol dalla Cremonese” non era evidentemente campato in aria - che hanno accorciato le distanze con Sernicola, ma forse era un po’ troppo tardi per ottenere il pareggio, anche perché i suoi pur pressati sono riusciti a non subire altri gol.   

CREMONESE: Radu: 6; Aiwu: 6 (dall’ 85’ Quagliata: n.g.); Bianchetti: 5; Vasquez: 5,5; Baez: 6  (dal ‘62 Sernicola: 6,5); Pickel: 5,5 (dal ‘69 Ascacibar: 6); Escalante: 5,5 (dall’ 85’ Ciofani: n.g.); Valeri: 5,5; Zanimacchia: 5,5  (dal ‘62 Bonaiuto: 6); Okereke: 5,5; Dessers: 6.
Massimiliano Alvini: 5,5.

Arbitro Paolo Valeri: 5,5 Non è sempre stato del tutto convincente in tutte le decisioni che ha preso. Ha valutato regolare l’intervento di Singo su Valeri servito in area da Orekeke (35’). Ha ammonito: Aina per un intervento a centrocampo irregolare ai danni di Baez (54’), Buongiorno per una trattenuta ai danni di Bonaiuto (64’), Linetty per un intervento irregolare da dietro al limite dell’area su Orekeke (81’). C’è un sospetto di fuorigioco sul movimento iniziale di Dessers sulla punizione calciata da Bonaiuto (87’).