Il Torino è arrivato alla stretta finale per Bremer: meglio solo soldi o anche una contropartita tecnica?

28.06.2022 11:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Bremer e Cairo
TUTTOmercatoWEB.com
Bremer e Cairo
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

A sei giorni dal raduno e a tredici dalla partenza per il ritiro in Austria con in mezzo il mercato che aprirà i battenti fra tre per il Torino è arrivato il momento di prendere una decisione finale su a chi cedere Bremer. Il presidente Cairo sul tavolo sa quante offerte sono arrivate e a quanto ammontano quindi ha ben chiara la situazione. Ovviamente aspettando qualche altra offerta potrebbe arrivare, ma qualcuna potrebbe anche evaporare per cui continuare ad attendere non sembra proprio la mossa più lungimirante. Ora sta al patron granata decidere se ottenere solo soldi, questo accadrebbe forse quasi esclusivamente se il difensore finisse all’estero, oppure ottenere un po’ meno contanti, ma anche una o più contropartite tecniche.

Tenuto conto che il Torino ha bisogno almeno di 10 giocatori, dei quali parecchi titolari, non è facile scegliere. Cairo però sa anche a che punto sono le trattative per rimpolpare la rosa che attualmente è decisamente scarna e sa quanto dovrebbe spendere per dare a Juric una squadra che possa fare meglio del decimo posto raggiunto nel passato campionato. Per prendere la decisione giusta sarebbe opportuno che si confrontasse con l’allenatore in modo da valutare se in relazione a come il mister vorrà gestire il gruppo è più opportuno ottenere un calciatore oppure un altro in base ai ruoli che vanno ricoperti e tenuto conto di chi c’è e resterà.

Incassare meno soldi dalla cessione di Bremer e ottenere una o più contropartite tecniche di qualità e funzionali al gioco di Juric non sarebbe assolutamente una mossa sbagliata, anzi potrebbe risultare quella vincente per far decollare il mercato del Torino e affidare alle sapienti mani di Juric una rosa adeguata da forgiare in squadra competitiva.