Il derby per la svolta? Troppa la differenza tecnica

01.07.2020 06:44 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Il derby per la svolta? Troppa la differenza tecnica

E' proprio il caso di dirlo, Davide contro Golia, perchè ci sarà un piccolo Toro al cospetto della Juve che, senza faticare, continua a mietere successi e si ha l'impressione che lo scudetto sarà ancora suo. La Lazio tiene ma fatica, l'Inter pure mentre la Juve ha sempre fame, è ingorda e non lascia punti a nessuno.

Contro il Genoa ha fatto sicuramente un favore al Toro, perchè sarebbe stato drammatico se non avesse battuto il Grifone, inguaiando ancora di più i granata, che non sono ancora così a rischio, ma se non faranno punti a breve sarà dura.

Pensare di battere la Juve nel derby di sabato è una grande illusione, ma si sa che le stracittadine fanno sempre storia a sè, ma la realtà è dura, troppa differenza tecnica tra le due squadre, e il "ci metteremo il cuore", "butteremo il cuore oltre l'ostacolo" e via di questo passo sono litanie che fanno anche un po' sorridere, perchè oggi il cuore, il sentimento contano molto poco nello sport, dove prevale la forza fisica e la tecnica. E magari anche qualche santo in paradiso.

Longo avrà motivo di caricare i suoi, ma forse è più abile a caricare se stesso che i suoi giocatori, dei quali forse pochi conoscono la storia dei derby e di come si vincevano mettendoci tutta la grinta possibile.

E' chiaro, il Toro non parte battuto e non lo deve fare, alla ripresa del campionato dopo il lockdown è crollato solo a Cagliari, però contro i gobbi bisogna giocare due tempi alla massima potenza, perchè se perdi l'attimo ti castigano. Figuriamoci se gli si concede un tempo. E poi non deve subentrare la rassegnazione.

Longo lo ripete da tempo, non conta essere il Toro, perchè questa è una squadra che ha bisogno di salvarsi. Vincere il derby per la gloria va bene, ma la cosa principale è fare punti. Ed è su questo che bisogna puntare sabato.