Il colpaccio con l’Inter? Un’impresa che sarebbe da Toro

I granata sono con Longo che vuole un Torino sempre alto e “aggressivo” con gli avversari.
12.07.2020 09:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Longo e Belotti
© foto di Nicolò Campo
Longo e Belotti

Potrebbe sembrare un’utopia per il Torino andare al Meazza e battere l’Inter, ma proprio perché sarebbe un’impresa dai più ritenuta impossibile si tratterebbe di un risultato da Toro vero. E allora perché non provarci? In fin dei conti seppur questa squadra si sia cacciata nella condizione di dover lottare per la salvezza è la stessa, con l’aggiunta di Verdi e con un Falque dato in prestito a gennaio al Genoa, che lo scorso campionato è arrivata al settimo posto e che conquistò quattro punti con l’Inter, pareggiando all’andata e vincendo al ritorno. E’ vero che in questo campionato il 23 novembre scorso le buscò tre a zero, ma questo deve essere uno stimolo, una sana voglia di rivalsa.

Oltretutto l’Inter non sta attraversando un momento brillante, prova ne sono la sconfitta con il Bologna e il pareggio con il Verona nelle ultime due partite, e questo è un fattore che va sfruttato. Il Torino deve avere il coraggio di affrontare i nerazzurri senza timori reverenziali pur consapevole che di fronte avrà una squadra forte nonostante di fatto ormai sia fuori dal discorso scudetto, ma che comunque vincendo domani sera si porterebbe al secondo posto raggiungendo la Lazio, in virtù della sconfitta dei biancocelesti con il Sassuolo e del pareggio dell’Atalanta con la Juventus negli anticipi di ieri.

Longo lo ha detto subito dopo la vittoria con il Brescia mercoledì che vuole fare risultato con l’Inter e i suoi giocatori sono con lui, infatti, una delegazione capitanata da Belotti nei giorni scorsi gli ha manifestato di volerci mettere il massimo dell’impegno in questo finale di stagione. In sostanza, come riporta Tuttosport, i giocatori avrebbero detto a Longo: “Abbiamo visto quanto tiene al Toro: il nostro impegno sarà sempre al massimo perché giocheremo anche per lei, affinché riesca a ottenere quello che cerca e che merita”. Visto l’attestato di stima che la squadra ha voluto recapitare al proprio allenatore serve che dalle parole si passi ai fatti e affrontare l’Inter senza stare rintanati nella propria metà campo realizzando ciò che chiede Longo, ossia stare alti ed “aggredire” gli avversari, vale a dire avere un atteggiamento da Toro. Ed è quello che va fatto perché se ben attuato potrebbe portare al colpaccio con l’Inter.