Di Michele: alla ricerca della felicità

07.07.2010 15:15 di Giulia Borletto   vedi letture
Di Michele: alla ricerca della felicità
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Visti i probabili problemi di ordine pubblico che avrebbe potuto procurare, ieri vi abbiamo parlato del consiglio dato a David Di Michele: forse meglio non presentarsi al ritiro di domenica in Sisport. Un consiglio dato appunto per evitare che alla vista del rientrante dal prestito a Lecce, i tifosi potessero fare vedere il lato peggiore di loro. Nelle menti ci sono ancora i fatti di dicembre che hanno fatto parlare del Toro in maniera negativa per settimane da giornali e televisioni. Occhi puntati sul Torello da tutta l'Italia per "l'aggressione" al ristorante in occasione del compleanno dell'ex West Ham e il caso calcioscommesse che ha regalato attimi di tensione. Poi la partenza per la Puglia e tutto sommato una buona mezza stagione fino alla Serie A dei pugliesi. Infine il ritorno in Piemonte. Un ritorno scomodo che l'ha fatto subito entrare nella cricca degli epurati da sfoltire al più presto. "Qualche volto arriverà" ha promesso ieri il presidente Cairo in occasione dell'incontro in Comune per organizzare il derby per la Sla, "però non vorrei che venissero demonizzati i giocatori che rientrano: sono sempre calciatori del Toro".

Il riferimento a Di Michele è forte, ma non solo a lui. Per l'attaccante romano ci sono problemi che riguardano l'ingaggio, l'età non più giovanissima e la piazza torinese. Non lo vogliono i supporters granata e l'hanno fatto capire con fermezza alla dirigenza. E' strano pensare a come una società possa essere influenzata a volte dai problemi di un giocatore con la tifoseria ( vedi anche la voglia di cambiare aria di Tavano), ma in questo caso è un amore che è finito da entrambe le parti. Per lui le ipotesi sono fuori dai confini italiani o nel Bel Paese a Vicenza nelll'affare Di Cesare o a Lecce sempre nell'affare Vives, se quest'ultimo dovesse accettare il trasferimento. Una vita passata in prima linea per poi finire nel dimenticatoio. Nel calcio capita anche questo.