Carattere e spirito Toro: lo chiede Longo ed è ciò che serve contro il Cagliari ai granata

27.06.2020 15:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Moreno Longo
© foto di Image Sport
Moreno Longo

“Personalità, coraggio, umiltà, fame, e voglia di soffrire sono componenti fondamentali per giocare a calcio” ed è ciò che vuole Longo dai suoi giocatori, infatti, lo dice a loro e lo ripete nelle interviste, più chiaro di così non potrebbe essere. Chi dimostra di averle e sta bene fisicamente è sicuro di avere una maglia da titolare, in caso contrario la probabilità che finisca in panchina è alta, soprattutto, se a fargli concorrenza è un compagno che queste caratteristiche le ha.

Con questi argomenti, e altri, Longo sta ricostruendo il Torino per condurlo il prima possibile alla salvezza e poi possibilmente anche più in alto in classifica e adesso che i giocatori hanno raggiunto l’accordo con la società sugli stipendi non pagati e legati all’emergenza Covid-19 c’è una motivazione in più per conquistare punti e scalare la graduatoria. Dal 10° posto in su sarà restituita una mensilità e in aggiunta ci sarà un premio extra.

I quattro punti conquistati con Parma e Udinese, complici le sconfitte di tutte le altre squadre in lotta per la salvezza e il pareggio del Brescia che ha frenato la Fiorentina hanno permesso al Torino di piazzarsi al tredicesimo posto in coabitazione con i viola e a quota 31 punti. Adesso sole quattro lunghezze separano i granata dal decimo posto occupato dall’avversario di questa sera il Cagliari. E’ evidente che una vittoria sarebbe l’ideale per allontanarsi ulteriormente dalla zona occupata da chi lotta per la salvezza e per avvicinarsi al lato sinistro della classifica

Tenuto anche conto che la Fiorentina affronterà la Lazio nella Capitale, il Sassuolo riceverà il Verona e il Bologna andrà al Luigi Ferraris per vedersela con la Sampdoria. Per il Torino tornare dalla Sardegna con il bottino pieno sarebbe importante tanto più che la prossima settimana dovrà passare dalle forche caudine di Lazio e Juventus. Personalità, coraggio, umiltà, fame, e voglia di soffrire come dice Longo sono fondamentali.