Ai granata serve una prova da vero Toro per contrastare i lupi della Roma

Ventura non ha a disposizione gli infortunati Masiello, Pasquale, Basha e Larrondo e l’influenzato Barreto. Garcia dovrà invece fare a meno di Benatia squalificato oltre che degli infortunati Balzaretti e Strootman, in forse Maicon.
25.03.2014 11:40 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
Ai granata serve una prova da vero Toro per contrastare i lupi della Roma
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

All’andata tra Torino e Roma finì in parità, però i granata ebbero il merito di essere i primi a interrompere la striscia di vittorie dei giallorossi che avevano sempre conquistato l’intero bottino in palio nelle prime dieci gare del torneo. Questa sera da una parte i padroni di casa vorranno “vendicarsi” e consolidare il secondo posto in graduatoria e dall’altra il Torino vorrà provare a confermare quanto si è visto con il Livorno in modo da dare un senso al finale di stagione. Ormai da tempo i granata sono salvi e i trentanove punti lo hanno certificato anche numericamente, infatti, quindici punti in più dalla coppia delle due terzultime, Chievo e Livorno, costituisce a nove giornate dalla fine del campionato un margine di sicurezza e garanzia. Purtroppo per Ventura e i giocatori altri traguardi sono praticamente impossibili da raggiungere e di conseguenza il rischio appagamento per mancanza di stimoli c’è, quindi la soluzione è puntare sulla voglia dei singoli di mettersi in luce sfruttando il Mondiale a giugno, per chi è stato discontinuo di far vedere che sta superando questo limite e per chi finora ha giocato poco la necessità, in caso venga mandato in campo, di dimostrare di essere un’alternativa valida a prescindere se il giocatore di turno resterà in granata o cambierà squadra a fine stagione.  

 

Con il Livorno il Torino ha fatto ciò che doveva fare: vincere. Né il netto risultato né la tripletta di Immobile però devono esaltare poiché i granata affrontavano un avversario che prima dell’inizio del match aveva ventidue punti in meno in classifica. Con la Roma non sarà una passeggiata, anzi se i giallorossi sono secondi in classifica e hanno conquistato sessantaquattro punti, venticinque in più del Torino, un motivo ci sarà, senza scordare che devono anche recuperare la partita con il Parma. Totti e compagni vantano anche la miglior difesa del campionato con sole quattordici reti subite e il secondo attacco con cinquantaquattro gol realizzati, non annoverano però il capocannoniere come invece può fare il Torino. Immobile senza rigori ha messo la palla nella rete avversaria sedici volte, per la cronaca come Tevez, che però ha segnato anche una volta dagli undici metri, pure Ciro avrebbe potuto usufruire dell’opportunità di un calcio di rigore, ma la fallì nella gara con l’Atalanta. Se i giocatori di Garcia non stazionano nei primi posti della classifica marcatori, il primo è Mattia Destro che grazie alle otto reti segnate (senza rigori) è al diciannovesimo posto, sono invece presenti fra i top quindici delle graduatorie stilate in base all’indice valutazione dei giocatori che evidenzia il contributo quantitativo che il calciatore apporta alla propria squadra: il portiere De Sanctis è terzo con 20,4 mentre Padelli è decimo con 19; il difensore Benatia, che però non giocherà questa sera poiché deve scontare un turno di squalifica, è quindicesimo con 18,7 e fra i quindici difensori non c’è nessuno del Torino; il centrocampista De Rossi è primo con 21,8 e anche in questo caso nessun granata; l’attaccante Destro è terzo con 21,3 e i compagni Totti ottavo alla pari con il granata Immobile (settimo) e il parmense Cassano (sesto), tutti e tre a 21, Ljajic undicesimo con 20,5 e Gervinho tredicesimo con 20.

 

Entrambi gli allenatori dovranno fronteggiare più di una defezione. Garcia deve rinunciare a Benatia, squalificato, oltre che a Balzaretti fermo da tempo per un’infiammazione alla coscia, così come Strootman per una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, mentre è indubbio Maicon a causa di un’infiammazione al ginocchio. Ventura è privo, anche lui da tempo di Masiello per una lesione muscolo-tendinea del gemello mediale della gamba destra, Pasquale sempre per una lesione muscolo-tendinea ma al retto femorale della gamba destra, Larrondo per una lieve lesione dell’adduttore lungo, Basha per la distorsione alla caviglia destra e Barreto a causa dell’influenza. Non si prevedono cambiamenti nell’assetto tattico, infatti, il Torino si affiderà al consolidato 3-5-2 e la Roma al 4-3-3. In campo i giallorossi dovrebbero andare con De Sanctis, Torosidis, Toloi, Castan, Romagnoli, Nainggolan, De Rossi, Pjanic, Totti o Florenzi, Destro e Gervinho. I granata con Padelli, Bovo, Glik, Moretti, Maksimovic, Kurtic, Vives, El Kaddouri o Farnerud o Gazzi, Darmian, Cerci e Immobile.
Gli occhi in casa granata saranno puntati soprattutto su Cerci che manca all’appuntamento con il gol da cinque giornate, su Immobile per vedere se dopo la sua prima tripletta in serie A continua a mantenere la testa della classifica marcatori e su chi fra El Kaddouri o Farnerud o Gazzi giocherà, il belga-marocchino ha spunti interessanti però difetta in continuità, lo svedese alterna periodi positivi con altri d’appannamento e Gazzi da quando il Torino è passato al 3-5-2 ha trovato pochissimo spazio poiché secondo Ventura non ha le caratteristiche idonee a un centrocampo a cinque o forse anche per qualche altro motivo poiché quando ha avuto la possibilità di andare in campo non ha dato segnali di particolari difficoltà di adattamento.
Da quando Ventura allena il Torino la squadra non ha mai battuto una grande, questa sera c’è l’ultima opportunità di farlo per questa stagione, chissà se sarà la volta buona, ma stando alle parole di Garcia dette ieri “Esigo essere a 67 punti dopo la sfida con il Torino” i granata dovranno sudare e impegnarsi moltissimo per impedire ai giallorossi di eseguire i dettami del loro allenatore.