Sassuolo, Trotta: “La vittoria sul Torino ci fa sperare in un finale di stagione alla grande”

24.04.2016 19:17 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per Torinogranata.it
Sassuolo, Trotta: “La vittoria sul Torino ci fa sperare in un finale di stagione alla grande”
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

L’attaccante del Sassuolo Marcello Trotta, autore del suo primo gol in serie A e del definitivo tre a uno dei neroverdi sul Torino, ha così commentato la partita:

Per lei e per la squadra una vittoria importante quella sul Torino, contento?

“Sicuramente oggi è stata una grande giornata sia per la vittoria sia per il gol che ho segnato, abbiamo conquistato altri tre punti che ci fanno sperare in un finale di stagione alla grande”.

Ci racconti il gol.

“Il Torino era un po’ sbilanciato in avanti perché cercava di recuperare la partita, ho visto lo spazio e mi ci sono buttato, Longhi mi ha dato una bella palla e anche se ho avuto un po’ di tensione davanti a Padelli ... alla fine è andata bene”.   

Quale emozione le ha dato il primo gol in serie A?

“Un’emozione molto forte, comunque fino alla fine è stata una partita dura, quindi il mio gol a dato maggiore energia alla squadra e a me personalmente”.

A chi dedica il gol?

“Alla mia famiglia e alla mia ragazza”.

Sperava di entrare dall’inizio vista l’assenza di Defrel?

“Ogni calciatore vuole giocare in tutte le partite, ma il mister fa delle scelte e così si cerca di farsi trovare pronto in modo da dare delle risposte”.            

L’obiettivo è l’Europa League?

“Vogliamo arrivare davanti al Milan, ma è difficile. Comunque ci proviamo e vedremo alla fine. Certamente lotteremo e daremo il massimo per provare a raggiungere quest'obiettivo”.

Vi aspettavate un Torino diverso?

“Ma no, il Torino è una squadra solida. Credo che abbiamo giocato una buona partita, siamo partiti forte segnando poi il Torino ha pareggiato e la partita ha avuto momenti alterni per le squadre”.

Che cosa le ha detto Pomini sia prima della partita sia prima che lei entrasse in campo?

“Mi ha caricato perché sa che stare in panchina non è facile e prima che entrassi mi ha detto che oggi avrei buttato la palla in rete e così è stato”.