Papa Francesco ha pregato e impartito la Benedizione “Urbi et Obi”

27.03.2020 19:00 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: vaticannews.va ceinews.it e Tmw
Papa Francesco ha pregato e impartito la Benedizione “Urbi et Obi”

Dal Sagrato della Basilica di San Pietro davanti alla piazza vuota e sferzata dalla pioggia il Santo Padre Francesco ha pregato e impartito la Benedizione “Urbi et Obi”, data ai fedeli di Roma e del mondo intero, in questo momento di grande difficoltà in tutto il Mondo a causa del Coronavirus. A chi si è unito spiritualmente a questo momento tramite i media è stata concessa l’indulgenza plenaria, che libera per intero dalla pena temporale dovuta per i peccati, secondo le condizioni previste dalla Penitenzieria Apostolica.

"Il Coronavirus rappresenta per l'uomo il momento della scelta". Lo ha detto Papa Francesco durante il momento di preghiera straordinaria che si è svolto oggi pomeriggio. "Cari fratelli e sorelle, da questo luogo, che racconta la fede rocciosa di Pietro, stasera vorrei affidarvi tutti al Signore, per l'intercessione della Madonna, salute del suo popolo, stella del mare in tempesta. Da questo colonnato che abbraccia Roma e il mondo scenda su di voi, come un abbraccio consolante, la benedizione di Dio. Signore, benedici il mondo, dona salute ai corpi e conforto ai cuori. Ci chiedi di non avere paura. Ma la nostra fede è debole e siamo timorosi. Però Tu, Signore, non lasciarci in balia della tempesta"

"Ci chiami a cogliere questo tempo di prova come un tempo di scelta", ha detto il Pontefice rivolgendosi direttamente a Dio, "Non è il tempo del tuo giudizio, ma del nostro giudizio: il tempo di scegliere che cosa conta e che cosa passa, di separare ciò che è necessario da ciò che non lo è. È il tempo di reimpostare la rotta della vita verso di Te, Signore, e verso gli altri".

Indulgenza plenaria - In un momento in cui l’intera umanità è “minacciata da un morbo invisibile e insidioso che ormai da tempo è entrato prepotentemente a far parte della vita di tutti”, la Chiesa concede l’Indulgenza plenaria ai “fedeli affetti da Coronavirus, sottoposti a regime di quarantena per disposizione dell’autorità sanitaria negli ospedali o nelle proprie abitazioni se, con l’animo distaccato da qualsiasi peccato, si uniranno spiritualmente attraverso i mezzi di comunicazione alla celebrazione della Santa Messa, alla recita del Santo Rosario, alla pia pratica della Via Crucis o ad altre forme di devozione, o se almeno reciteranno il Credo, il Padre Nostro e una pia invocazione alla Beata Vergine Maria, offrendo questa prova in spirito di fede in Dio e di carità verso i fratelli, con la volontà di adempiere le solite condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre), non appena sarà loro possibile”.
“Alle stesse condizioni” la possono ottenere “gli operatori sanitari, i familiari e quanti, sull’esempio del Buon Samaritano, esponendosi al rischio di contagio, assistono i malati di Coronavirus”.
Anche i fedeli che “offrano la visita al Santissimo Sacramento, o l’adorazione eucaristica, o la lettura delle Sacre Scritture per almeno mezz’ora, o la recita del Santo Rosario, o il pio esercizio della Via Crucis, o la recita della Coroncina della Divina Misericordia, per implorare da Dio Onnipotente la cessazione dell’epidemia, il sollievo per coloro che ne sono afflitti e la salvezza eterna di quanti il Signore ha chiamato a sé” possono lucrare ugualmente l’Indulgenza plenaria.
L’indulgenza plenaria può essere ottenuta anche dal fedele che in punto di morte si trovasse nell’impossibilità di ricevere il sacramento dell’Unzione degli infermi e del Viatico: in questo caso si raccomanda l’uso del crocifisso o della croce.

Per vedere le preghiere e la Benedizione “Urbi et Obi” di Papa Francesco cliccare sul seguente link:
https://www.youtube.com/watch?v=ojGaZWm93WU&feature=emb_title