Padelli: “Con il Cagliari è stata una partita assolutamente non facile”

15.02.2015 19:52 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
Padelli: “Con il Cagliari è stata una partita assolutamente non facile”
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Il portiere del Torino Daniele Padelli ha parlato dopo il pareggio con il Cagliari. Questo il suo commento alla partita:

 

Lei non è stato particolarmente impegnato dai giocatori del Cagliari, ma la squadra non è andata oltre il pareggio, avreste potuto fare di più?

“E’ stata una partita assolutamente non facile, perché il Cagliari è un’ottima squadra, sono organizzati e sono venuti qua a giocarsela dal primo al novantacinquesimo. Queste, secondo me, sono le classiche partite nelle quali si crea tanto, ma non si riesce a portare a casa il risultato pieno e si può anche correre il rischio di prendere gol nel finale e perderle. Siamo stati bravi a conquistare un punto che è importante, mantenendo il trend positivo che dura da dieci partite”.

 

Il gol di Donsah era di quelli quasi imparabili? Il suo collega Brkic è stato bravo  in tutti gli interventi.

“Penso che Donsah abbia fatto un bel gol, ha tirato forte e forse era posizionato sulla riga dell’area, non sembra ma il pallone non ci mette tanto a percorrere sedici metri. Brkic ha fatto due ottime parate, ma non lo scopro io oggi, complimenti a lui, è un ottimo portiere. Noi ci teniamo il punto e l’ottima prestazione e guardiamo con fiducia a giovedì”.

 

La partita d’Europa League la sente in modo particolare? I tifosi vivono questi sedicesimo come un momento storico, anche voi?

“Al di là del momento storico per noi è un appuntamento molto importante perché ce lo siamo guadagnato sul campo con fatica e tante volte con il cuore e la cattiveria agonistica. Sicuramente venderemo cara la pelle e tenteremo di prolungare questo sogno il più a lungo possibile”.

 

L’Athletic Bilbao non sta passando un periodo di grande forma e i risultati stentano, voi invece siete al decimo risultato utile consecutivo. Siete consapevoli che c’è una differenza a vostro favore?

“Non c’è differenza perché con il passato non si va da nessuna parte e le partite già giocate sono finite e appunto appartengono al passato. Dobbiamo giocarcela sul campo e sicuramente se loro non sono in un momento positivo verranno qua con ancora più “cattiveria”, ogni partita è una storia a sé e dovremo essere attenti e bravi, penso che solo così potremmo dire la nostra”.