Milan, Montella: “Tra noi e il Torino è stata una partita vibrante, entrambi potevamo vincere”

17.01.2017 07:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Milan, Montella: “Tra noi e il Torino è stata una partita vibrante, entrambi potevamo vincere”
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Milan, Vincenzo Moltella, ha commentato il pareggio con il Torino. Ecco che cosa ha detto:

Il Milan pur concedendo riesce sempre a stare nella partita e a rimontare. Quali sono le ragioni di un atteggiamento, soprattutto iniziale, inferiore a quello che poi c’è nel corso della partita?

“Mah, non lo so (sorride, ndr). Sicuramente non è una scelta, questo è certo, per il resto non riesco a capire le motivazioni. Con il Torino ieri sera, come in altre circostanze, siamo partiti bene ? la gara per venti minuti, ma siamo stati solo sufficienti mentre il Torino aveva qualche cosa in più come impeto e determinazione e, infatti, ha realizzato due gol, come mi piace chiamarli, “sporchi” che hanno denotato la loro capacità d’interpretare meglio la partita. Dal loro secondo gol a partire dal trenta-trentacinquesimo la squadra pian piano è salita, si è avvicinata all’impeto del Torino e questo è continuato anche nel secondo tempo facilitato, secondo me, dal fatto che il Torino ha abbassato un po’ il ritmo e si sono leggermente allungati e noi con gli stessi princìpi di gioco siamo riusciti  ad avere ancora di più la partita in mano e arrivare al pareggio, a mio avviso, meritato in quel momento. In seguito la partita è diventata rocambolesca perché le squadre, forse per volere dei due allenatori, non ci stavano a perdere e nel finale entrambe avrebbero potuto vincere”.

Non aver trovato il terzo gol è dipeso da frenesia nel cercare di segnare oppure solo sfortuna?

“No, era dovuto un po’ alla stanchezza perché avevamo spinto tanto e quando questo accade a livello psico-fisico si perde qualche cosa. Siamo andati vicino a segnare il terzo gol, peccato non esserci riusciti. Anche il Torino da questo punto di vista può recriminare qualche cosa, quindi, tutto sommato è venuta fuori una partita vibrante e spettacolare per chi l’ha guardata”.

Donnarumma è il giovane più forte che ha mai allenato?

“Sì, forse in assoluto il più forte. Di lui sono impressionanti la serenità e la tranquillità”.

Secondo lei c’era il rigore su Bonaventura?

“Sono sincero, dal campo non lo ricordo, però, me l’hanno fatto notare a fine partita, quindi, sì. Non lo so, non l’ho rivisto, ma non lo ricordo nemmeno. Mi ricordo, invece, il fallo di Obi avvenuto vicino alla panchina”.

Come sta Mati Fernández? Quando potrà tornare a giocare?

“Sta meglio, si sta allenando e contiamo che nei prossimi giorni si possa aggregare al gruppo”.