Lorenzo Petiziol: "Torino-Udinese? Il Toro è nettamente più forte, però..."

Il giornalista friulano: «Il Torino può lottare fino alla fine per l'Europa. Per l'Udinese saranno fondamentali i prossimi incontri casalinghi con Chievo e Bologna»
08.02.2019 08:48 di Giuseppe Livraghi  articolo letto 1510 volte
Fonte: Giuseppe Livraghi
© foto di Marina Beccuti
Lorenzo Petiziol: "Torino-Udinese? Il Toro è nettamente più forte, però..."

Il Torino, rallentato nella sua corsa all'Europa League dallo 0-0 di Ferrara al cospetto della SPAL, domenica (alle ore 15:00) sarà opposto ad un'altra compagine impelagata nella lotta per la salvezza: l'Udinese, sulla cui panchina siede l'ex torinista Davide Nicola (autore della terza rete granata nel 3-1 sul Mantova nella finale di ritorno del play-off di Serie B della stagione 2005-2006). Ma che Udinese si presenterà domenica allo stadio “Grande Torino”? Per avere un quadro esaustivo della situazione, abbiamo intervistato il giornalista Lorenzo Petiziol, “memoria storica” dell'Udinese (e dell'udinesità), nonché conduttore della trasmissione radiofonica “Spazio Sport” (in onda sull'emittente friulana “Radio Spazio”).

L'Udinese si presenta a Torino reduce da un buon pareggio strappato in casa con la Fiorentina.

«Il pareggio coi viola è un risultato positivo, però quasi “annullato” dal meritato successo del Bologna in casa dell'Inter, che ha ridotto a soli due punti il vantaggio dell'Udinese sugli emiliani».

La situazione, in effetti, non è rosea...

«Purtroppo l'Udinese attuale mi pare un'incompiuta. Onestamente, avendo visto tutte le squadre di questo campionato di Serie A, posso affermare che l'Udinese è quella che gioca peggio di tutte. È vero che ci sono stati degli infortuni, ma ciò è indiscutibile. Peraltro, c'è lo sciopero del tifo, un fatto che non si verificava da ben 25 anni. Insomma, confermo che la situazione non è affatto rosea».

Tuttavia c'è chi sta peggio dei bianco-neri.

«Vero, ma bisogna dire che sono cinque anni che l'Udinese sta facendo campionati in questo tono: stavolta c'è davvero il timore di finire in Serie B. Fondamentale sarà tornare a vincere».

Già da domenica a Torino?

«Col Toro la vedo dura, poiché i granata sono più forti dell'Udinese. Certamente i bianco-neri non andranno là già sconfitti, anche se è una partita davvero difficile: la logica vede il Torino favorito, ma potrebbe scapparci il colpaccio, se le "congiunture astrali" saranno favorevoli. Fondamentali, per l'Udinese, saranno le prossime partite interne con Chievo e Bologna: facendo 6 punti, la situazione cambierebbe molto».

Il Torino sarà privo di N'Koulou e Zaza, squalificati.

«Ciò potrebbe essere un fatto favorevole all'Udinese. Almeno lo spero. N'Koulou non ha bisogno di presentazioni, così come Zaza».

Come “vede” il Toro?

«Il Torino è una squadra che mi sta molto simpatica: non solo per la sua storia, ma anche perché ho grande stima per Gianluca Petrachi. Inoltre, i granata sono guidati da un tecnico come Walter Mazzarri, che ha un suo gioco ben collaudato: il Toro può lottare fino alla fine per l'Europa».

E l'Udinese?

«Gli anni splendidi delle qualificazioni alle Coppe Europee sono passati: ora speriamo si riesca a conquistare la salvezza, meglio se meritatamente. Devo, però, dire una cosa: in questi ultimi anni si è persa un po' di "udinesità", di giocatori magari non friulani di nascita ma di “adozione”. Comunque, non cantiamo il “de profundis” troppo presto: la salvezza è raggiungibile, magari anche grazie alle disgrazie (sportive) altrui»