Juventus, crolla il titolo in Borsa dopo i conti in rosso e l'annuncio di un aumento di capitale

09.10.2023 13:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Calcio e Finanza e Tmw
Logo Juventus
TUTTOmercatoWEB.com
Logo Juventus
© foto di Luca Cavallero

Il titolo della Juventus crolla in Borsa. Come scrive Calcio e Finanza, dopo i conti in rosso e l’annuncio di un nuovo aumento di capitale si registra un tonfo del club bianconero a Piazza Affari. Il titolo della Vecchia Signora - si legge - ha perso infatti il 14,4% a 0,2416 euro e ora si è assestato intorno al -13%, mettendo a segno la peggiore performance del listino milanese

Il comunicato ufficiale della Juventus col bilancio
Nella giornata di venerdì il CdA della Juventus si è riunito per approvare il progetto di bilancio ed il bilancio consolidato al 30 giugno del 2023. Questo il comunicato del club bianconero:

"IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO E BILANCIO CONSOLIDATO AL 30/06/2023. AGGIORNAMENTO DELLE STIME DI PIANO E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI.
APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D’ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 30 GIUGNO 2023. SIGNIFICATIVA RIDUZIONE DELLA PERDITA D’ESERCIZIO

APPROVATO L’AGGIORNAMENTO DELLE STIME DEL PIANO DI LUNGO PERIODO 2023/24 – 2026/27. CONFERMATI GLI OBIETTIVI STRATEGICI DI COMPETITIVITÀ SPORTIVA, SOSTENIBILITÀ ECONOMICO-FINANZIARIA E DI RILEVANTE E STRUTTURALE RIDUZIONE DELL’INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO

STIME DI PERDITA AL 30 SETTEMBRE 2023 CON RIDUZIONE DEL CAPITALE. DEFINITE LE LINEE GUIDA DI UN RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE MEDIANTE AUMENTO DI CAPITALE FINO A MASSIMI EURO 200 MILIONI, CON IL SOSTEGNO DEL SOCIO DI MAGGIORANZA EXOR

- Approvato il bilancio consolidato per l’esercizio chiuso al 30 giugno 2023, che evidenzia una perdita di € 123,7 milioni (€ 239,3 milioni al 30 giugno 2022), in parte influenzata dagli effetti negativi sui ricavi e sui costi correlati agli esiti dei procedimenti sportivi italiani e internazionali

- Il Consiglio di Amministrazione ha aggiornato le stime del Piano 2023/24 – 2026/27, che conferma le linee strategiche e di sviluppo del Gruppo fondate sulla competitività sportiva, sul rafforzamento del brand e sul consolidamento dell’equilibrio economico-finanziario, con rilevante e strutturale riduzione dell’indebitamento finanziario netto.

- Sulla base di stime preliminari al 30 settembre 2023, il primo trimestre dell’esercizio è previsto chiudersi con perdite superiori al terzo del capitale sociale, integrando i presupposti previsti dagli artt. 2446 e 2447 cod. civ.

- A supporto della realizzazione degli obiettivi del Piano, nonché tenuto conto degli impatti – nell’esercizio in corso e in quello precedente – derivanti dagli esiti dei procedimenti sportivi italiani e internazionali avviati nel 2022/23, il Consiglio di Amministrazione ha definito le linee guida di una manovra di rafforzamento patrimoniale da attuarsi mediante la riduzione del capitale sociale al minimo legale e contestuale aumento del capitale sociale, a pagamento, per massimi € 200 milioni

- EXOR N.V. ha espresso il proprio sostegno all’operazione, impegnandosi a sottoscrivere la quota di aumento di capitale di propria pertinenza, pari al 63,8%, e ha inoltre manifestato la propria disponibilità ad effettuare versamenti in conto futuro aumento di capitale per massimi € 128 milioni circa. Juventus valuterà di costituire un consorzio di garanzia per la sottoscrizione e liberazione delle nuove azioni eventualmente non sottoscritte

- L’Assemblea ordinaria degli Azionisti si terrà il 23 novembre 2023, presso l’Allianz Stadium

Torino, 6 ottobre 2023 – Il Consiglio di Amministrazione di Juventus Football Club S.p.A. (la “Società” o “Juventus”), riunitosi in data odierna sotto la Presidenza di Gianluca Ferrero ha, inter alia, (i) approvato il progetto di bilancio d’esercizio e il bilancio consolidato per l’esercizio chiuso al 30 giugno 2023; il bilancio d’esercizio sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti che è previsto si tenga il 23 novembre 2023, in unica convocazione, presso l’Allianz Stadium; (ii) approvato l’aggiornamento delle stime del Piano di lungo periodo per gli esercizi 2023/24 – 2026/27 (“Piano”) e (iii) definito le linee guida di un rafforzamento patrimoniale mediante aumento di capitale, a pagamento, fino a massimi € 200 milioni (“Aumento di Capitale”)".