Inchiesta Prisma, depositati gli atti integrativi. Entro domani la Juve depositerà il ricorso al Collegio di garanzia del Coni

28.02.2023 11:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: gazzetta.it, Tuttosport e Tmw
Logo Juventus
TUTTOmercatoWEB.com
Logo Juventus
© foto di Luca Cavallero

Il deposito al gup degli atti integrativi fa scattare il conto alla rovescia: meno 27 giorni all’udienza preliminare dell’Inchiesta Prisma condotta dalla Procura di Torino sui bilanci della Juventus dal 2018 al 2021. Nel mirino dei pm ci sono il "sistema delle plusvalenze fittizie" e l’ormai nota "manovra stipendi". L’indagine è stata chiusa il 24 ottobre con la notifica delle richieste di rinvio a giudizio - sottolinea gazzetta.it - ma il lavoro dei procuratori della Repubblica è continuato tra dicembre e gennaio ed è raccolto negli atti integrativi, un faldone di circa mille pagine, depositato ieri presso il gup Marco Picco.

Che cosa contiene il nuovo faldone? Sono raccolte le audizioni più recenti, compresa l’ultima che ha visto protagonista Paulo Dybala, risentito a Roma la scorsa settimana dalla Guardia di Finanza di Torino sul tema della seconda manovra stipendi visto il suo divorzio estivo dalla Juventus. Nel nuovo faldone - riporta sempre gazzetta.it - sono contenute anche le side letters, ossia le scritture private non depositate, riguardanti gli accordi segreti con altri club. Quelli che hanno portato la Procura di Torino nei giorni scorsi a trasmettere gli atti dell’inchiesta ai colleghi di altre città perché valutino eventuali profili penali nei confronti delle società su cui hanno competenza territoriale. I fascicoli sono stati spediti a Genova, Bologna, Udine, Modena, Cagliari e Bergamo perché le squadre coinvolte sono Sampdoria, Bologna, Udinese, Sassuolo, Cagliari e Atalanta.

Il ricorso della Juventus al Collegio di garanzia del Coni I legali della Juventus, scrive oggi Tuttosport, hanno ultimato il ricorso che la società bianconera presenterà al Collegio di garanzia del Coni ed il deposito è atteso entro domani. La Juventus, come noto, punta all'annullamento del verdetto della Corte Federale che aveva inflitto 15 punti di penalizzazione alla squadra di Allegri in merito alla questione plusvalenze. Un passaggio importante, in attesa della pronuncia del Collegio che di fatto potrebbe nuovamente riscrivere la classifica di questa Serie A.