Gravina sull'Europeo in Italia nel 2028: "Si può fare, ma bisogna prepararsi bene, soprattutto con strutture moderne"

09.07.2019 13:38 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
Fonte: TMW
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Gravina sull'Europeo in Italia nel 2028: "Si può fare, ma bisogna prepararsi bene, soprattutto con strutture moderne"

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla possibile candidatura dell'Italia per ospitare gli Europei del 2028

Il presidente federale ha parlato durante la nona edizione dell'evento Report Calcio, che ha presentato anche dati incoraggianti su quanto vale il calcio nel contesto economico italiano.

"Il calcio continua a essere uno degli elementi di grande riferimento di tutto lo sport italiano. Siamo sulla strada giusta dal punto di vista degli impianti, lo stesso Ceferin si è complimentato per le cinque-sei strutture che hanno ospitato le fasi finali dell'Europeo Under 21. Vorrei citare poi anche tutti gli interventi di modernizzazione della Serie C. Proprio attraverso i grandi eventi sportivi possiamo arrivare a centrare uno degli obiettivi più importanti che ci siamo posti, ovvero l'ammodernamento delle strutture".

Riguardo all'organizzazione di Euro 2028 in Italia, Gravina si è detto possibilista: "Le condizioni ci sono, bisogna capire i tempi e se effettivamente possa essere un obiettivo alla portata. Al 2022, data di assegnazione di Euro 2028, dobbiamo arrivare preparati, ci dobbiamo preparare attraverso un percorso di idee e progetti che dia l'immagine di un Paese dinamico dal punto di vista dell'ammodernamento delle strutture".

In merito ai rapporti tra il calcio nostrano e il Governo, ha risposto: "Abbiamo bisogno di partecipazione e condivisione, ringrazio il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giancarlo Giorgetti. Siamo in contatto da mesi e stiamo lavorando per tutelare e sviluppare il calcio italiano".