Euro 2020, Mancini non svela la formazione ma dice: “Da domani l’Italia saprà segnare”

L’obiettivo fondamentale degli Azzurri indicato dal Ct è risalire il ranking anche in vista dell’eventuale sorteggio in Coppa del Mondo.
22.03.2019 20:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Figc
Roberto Mancini
TUTTOmercatoWEB.com
Roberto Mancini

Inizierà domani sera con la Finlandia allo stadio “Friuli” di  Udine (ore 20.45 diretta Rai 1) il cammino dell’Italia verso Euro 2020. Da far dimenticare c’è la non qualificazione al Mondiale in Russia e per riuscirci l’unico modo è vincere, quindi l’imperativo categorico è fare gol.

“Abbiamo risolto i dubbi – ha dichiarato il Ct in conferenza stampa – ed ora la speranza è che chi andrà in campo faccia bene. Era importante riuscire a capire velocemente la squadra e i correttivi da portare, siamo stati fortunati a trovare giocatori disponibilissimi e le cose sono andate più veloci del previsto. Cominciamo le qualificazioni e sono sicuro che da domani la squadra farà gol per tutto il suo percorso”.

Mancini ha poi proseguito dicendo: “Abbiamo onorato fino in fondo la Nations League e da domani diventa fondamentale non solo per vincere le partite e migliorare sempre, ma anche per il ranking che non ci piace tanto e vorremmo risalire un po', e per l'eventuale sorteggio per la Coppa del Mondo. Fino ad oggi ho dato a questa Nazionale quello che ho potuto, la mia esperienza, il bagaglio tecnico e un po' di tranquillità. Ho creduto da subito nel progetto e nei giovani, quando arriveremo all'Europeo si faranno delle scelte e la cosa più difficile sarà lasciare a casa qualcuno. Anche la squadra ha dato tanto a me”.

Sulla formazione non si è sbilanciato Mancini non si è sbilanciato: “Kean? Se giocherà – ha replicato il Ct rispondendo ad una precisa domanda - mi aspetto che faccia quello che sa fare. Non ha l'esperienza di altri, ma ha entusiasmo e sa vedere la porta, giocando in tranquillità ed allegria”.

Difficile che ci sarà in porta Sirgu, ma magari per Izzo potrebbe esserci uno spiraglio tanto più che il difensore il vizietto del gol nel Torino ha dimostrato di averlo avendone segnati quattro.