Bremer faro e pilastro difensivo. Il Toro ha un tesoro da 30 milioni

12.04.2021 17:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: La Stampa
Gleison Bremer
TUTTOmercatoWEB.com
Gleison Bremer
© foto di Image Sport

Con il brasiliano Gleison Bremer il reparto arretrato ha migliorato la media di reti subite e così la difesa granata è passata dall’essere la peggiore della Serie A a fine dicembre a diventare il fattore salvezza, si legge su La Stampa. Con in panchina Giampaolo infatti il Torino aveva subito 35 gol in 18 incontri, mentre con il suo successore Nicola 17 reti in 11 match passando dalla media di 1,9 a quella di 1,5 e anche le prestazioni dei singoli sono migliorate.

Bremer è diventato il difensore più prezioso tento conto che nel 2018 quando arrivò al Torino dall'Atletico Mineiro era letteralmente uno sconosciuto, mentre oggi è uno dei difensori più forti e completi e di fatto il Torino si trova in casa il sostituto di Nkoulou. Le sue prestazioni oltretutto sono impreziosite dal suo vizietto per il gol: ne ha realizzati 4 in 24 partite. Per non parlare dei sei milioni del costo del suo cartellino che si stanno rivelando un ottimo investimento. Club  stranieri come Liverpool, Real Madrid e Barcellona e anche italiani a iniziare Inter e Milan, ma non solo lo tengono in grande considerazione. A gennaio il Torino lo valutava 15 milioni e adesso a chi bussasse per averlo ne chiederebbe il doppio e così il Torino per tutelarsi  ha iniziato a discutere con lui il rinnovo del contratto che è in scadenza nel 2023.