Bianchedi: ''Mutu ha commesso un altro errore, rischia davvero tanto''

30.01.2010 15:52 di Raffaella Bon   vedi letture
Fonte: Repubblica
Bianchedi: ''Mutu ha commesso un altro errore, rischia davvero tanto''
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini

Con il fioretto Diana Bianchedi ha vinto tutto, adesso si occupa di doping. L´ex schermitrice è membro della commissione di vigilanza sul doping del Ministero della salute e membro della commissione controlli del Coni. A lei abbiamo chiesto un parere sulla vicenda Mutu.
Cosa rischia Mutu?
«Rischia grosso perché è recidivo. Oltretutto alla stessa categoria di sostanze, uno stimolante».
Ma c´è chi dice che il controllo in Inghilterra, quando fu squalificato per cocaina, non è stato regolare, quindi non c´è recidività.
«A noi non interessa cosa è successo in Inghilterra, a noi interessa che ha preso una squalifica, quindi per l´ordinamento sportivo è recidivo».
Dunque?
«Rischia intorno ai quattro anni».
Anche se, come dicono, avrebbe preso quelle pasticche per dimagrire?
«Sì. Premesso che se è andata così è stato ingenuo, io quando gareggiavo non compravo nemmeno le caramelle nei bar. Per ottenere una pena più leggera deve dire chiaramente e con precisione come è entrata quella sostanza nel suo corpo e deve dimostrare, soprattutto, che non c´è stata né colpa né negligenza».
Cosa significa che la sibutramina è una sostanza "specificata"?
«Significa che la Wada, l´agenzia mondiale antidoping, riconosce che può essere assunta in modo non volontario e che non è stata dimostrata una rilevante efficacia a livello di prestazione».
Una cosa positiva, dunque.
«Se non ci fosse il precedente inglese se la sarebbe cavata con poco, forse anche solo con una nota di biasimo».
È vero che se avesse chiesto le contro analisi la pena avrebbe potuto essere più pesante?
«Nel regolamento Wada non c´è scritto, ma è chiaro che se chiedi le contro analisi e sei colpevole non ti metti in buona luce».
Quando ci vorrà per avere la sentenza?
«Dipende da Mutu. Potrebbe chiedere il rito abbreviato, ma prima che sia ascoltato dalla procura penso che ci vorrà almeno un mese».
E dopo l´udienza quando tempo passa prima che arrivi la sentenza?
«È immediata, gliela comunicano prima che esca dalla procura».