Bertini contro le domande all'arbitro nel post gara: "Solo per la polemica"

27.05.2020 20:18 di M. V.   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Bertini contro le domande all'arbitro nel post gara: "Solo per la polemica"

Parlando a TMW News, l'ex arbitro internazionale Paolo Bertini ha spiegato la sua contrarietà all'apertura del dialogo con i direttori di gara al termine delle partite: "Sono d'accordo con Rizzoli. Che beneficio può esserci dalle dichiarazioni dell'arbitro a fine gara? Qual è l'obiettivo? Per sentire il suo punto di vista, ma è già chiaro visto che ha preso un provvedimento. Lo spiega, ma tutto questo porterebbe poi ad un'infinità di punti di vista diversi e si arriverebbe ad un punto di polemica eccessiva. Anzichè placare gli animi si andrebbe incontro ad un ulteriore grandissimo dibattito. Ci sarebbero delle interpretazioni in funzione di creare discussioni. Arriveremo anche a vedere e sentire gli arbitri parlare, visto che siamo in un mondo di comunicazione però credo ci vorrà un sistema che preveda un contraddittorio limitato. Se si arriva a sottoporre all'arbitro una serie di domande da terzi diverrebbe tutto problematico. Se fa una dichiarazione spontanea o, ripeto, con un contraddittorio limitato finisce lì e può andar bene. E' tanto comunque che si parla di questa questione, già dai miei tempi però non se ne è mai fatto di nulla". Ci permettiamo di aggiungere che un arbitro non in grado di rispondere a delle domande dopo le partite, probabilmente non è in grado di garantire una regolarità assoluta delle stesse durante il loro corso.