Abodi, nuove regole sul razzismo

03.04.2024 16:28 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Abodi, nuove regole sul razzismo
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Mario Giglio/TuttoPalermo.net

Il ministro dello Sport Andrea Abodi ha parlato del tema razzismo nel calcio dalle pagine di Repubblica, dove ha sottolineato la volontà di applicare nuove regole per combattere il razzismo a seguito dell'assoluzione di Francesco Acerbi nei confronti di Juan Jesus.

"Al momento della firma degli accordi tra club e tesserato si stabiliscono i reciproci diritti e doveri, sulla base del contratto collettivo. Ritengo che i contratti e i codici etici non bastino, che ci si debba soffermare maggiormente sui doveri. Mi riferisco soprattutto a ‘doveri comportamentali’. Una sorta di richiamo alla deontologia che si dovrà basare su cinque pilastri. La Carta farà esplicito riferimento ai divieti di scommettere in ambito sportivo, di fare uso di ogni tipo di droga e sostanze dopanti. E, ancora, di regolare con il club in modo improprio il compenso economico e di vedere contenuti audiovisivi sulle piattaforme pirata. Il quinto pilastro sarà un richiamo a non avere comportamenti e adottare linguaggi razzisti e discriminatori, di ogni tipo. In campo e fuori".

Il ministro ha poi aggiunto: "Sul fronte del razzismo e delle varie forme di discriminazione le norme sono o dovrebbero essere più che note. Quel che è successo a Milano mi auguro sia almeno servito a far comprendere che contro il razzismo non bastano i ‘sermoni’, ma serve l’impegno a partire dai giocatori in campo. Per questo ho fatto esplicito riferimento alla coscienza per Acerbi, augurandomi che fosse in pace con la sua".