Se l'Europa non arriva, pronte a rifarsi sotto le pretendenti per N'Koulou

21.05.2019 09:17 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Se l'Europa non arriva, pronte a rifarsi sotto le pretendenti per N'Koulou

Con l'Europa di molti passi più lontana dopo la disfatta di Empoli, e probabilmente recuperabile solo grazie all'eventuale azione sanzionatoria della UEFA nei confronti del Milan, il rischio di una almeno parziale diaspora dei big di casa Toro è reale. E, mentre vi sono istanze che possono trattenere nomi quali Sirigu, Izzo, Belotti, Baselli, per i quali una permanenza granata darebbe quanto meno loro la garanzia di un impiego in campo costante, elemento fondamentale in direzione di una partecipazione a Euro 2020, Nicolas N'Koulou, ora 29enne, e sempre più vicino all'ultima fase davvero competitiva della propria carriera, è il profilo che più di tutti potrebbe essere tentato dall'idea di una partenza. Abituato a cimentarsi tra i quarti di finale di Champions, con la maglia dell'Olympique Marsiglia (picco raggiunto nel 2011/12), e le semifinali di Europa League del 2016/17, seppur nell'individualmente sfortunata stagione di Lione, il camerunese potrebbe davvero preferire l'ipotesi di giocarsi una maglia tra le file di un club in corsa nelle competizioni continentali, anziché proseguire nel suo percorso di primus inter pares sotto la Mole. E, mentre i club di A che lo avevano sondato la scorsa estate (Inter, Napoli, Lazio) appaiono al momento orientati verso altri obiettivi, l'interesse dall'estero non manca, con PSG, Wolverhampton, ed Everton (questi ultimi non qualificati alle coppe; ma, ehi, la Premier è sempre la Premier, specie per chi non l'ha mai disputata) alcuni dei nomi ad averlo sondato. L'ingaggio di un milione e mezzo di euro non appare insormontabile per pretendenti di medio-alta capacità di spesa, mentre 15 milioni di euro (esattamente l'attuale valutazione di Transfermarkt.de, con cui, a margine, concordiamo appieno) appaiono una richiesta ragionevole per il suo cartellino, specie se comparati all'ottimo rendimento delle ultime due stagioni. Il cuore dei tifosi granata vuole Nicolas saldo a guidare la retroguardia Toro; il pragmatismo di mercato, bilanci, plusvalenze, unito a quella che ora come ora può essere soltanto una ragionevole proiezione delle intenzioni del giocatore, potrebbe portarlo in una direzione differente.