Paolucci fuori rosa, un nome buono per il Toro?

19.11.2010 10:38 di Marina Beccuti   vedi letture
Paolucci fuori rosa, un nome buono per il Toro?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Michele Paolucci, 24 anni, ha un futuro roseo davanti a sè che ora però è stato macchiato dalla volontà del Siena di emarginarlo.  La sua situazione l'ha spiegata a TMW: "Ho letto le dichiarazioni di Perinetti, ma non ho mai detto di non voler restare qui. Anche perché l'unica volta che ho sentito Perinetti è stato il 23 giugno quando con Marotta mi ha telefonato per dirmi della comproprietà rinnovata. Mentre mister Conte l'ho incontrato il 20 luglio durante il ritrovo della squadra. C'è stata un'altra occasione in cui ho incontrato il mister ed era ad aprile. Per caso ci incrociammo in un ristorante e ci siamo messi a parlare, ma nessuno sapeva allora che sarebbe diventato il tecnico del Siena. Quindi, non ho avuto modo di dire se volevo rimanere o meno. Comunque, non voglio soffermarmi sul passato. Ora guardo al presente con un occhio rivolto al futuro".

L'attaccante, classe '86, nativo di Recanati, un passato nelle giovanili della Juventus, ha poi aggiunto: " Sono molto orgoglioso di questi mesi di crisi, mi hanno insegnato tanto, dalle difficoltà ho certamente imparato qualcosa. Ho avuto modo di stare con la mia famiglia, erano dieci anni che non passavo un fine settimana con loro. I miei familiari mi sostengono molto in questo momento. Sono orgoglioso di aver dimostrato di essere un professionista serio. Contro l'Atalanta, dopo essere stato messo in disparte, mister Conte mi ha chiesto la disponibilità e io ho subito accettato. Dopo quella sfida sono stato nuovamente messo in disparte. Mi sto allenando al 101%, sono consapevole che tra poco arriverà gennaio. E' da settembre che lavoro tanto, anche il mister mi ha fatto i complimenti per la forma, pari a quella dei miei compagni che giocano sempre".

Paolucci si sta allenando al massimo per essere al top a gennaio, quando spera di trovare una squadra pronta a ridargli fiducia: "Sto cercando di curare ogni singolo aspetto della mia forma fisica, voglio sempre migliorare e far si che se a gennaio ci sarà qualche pazzo pronto a puntare su di me troverà un atleta al top sia dal punto di vista fisico che mentale. Ho tanta voglia di dimostrare nuovamente quelle qualità che ho lasciato intravedere a Catania e Ascoli. Gioco a calcio per passione, non per i soldi, quindi non ne faccio un problema economico. Voglio rivivere le emozioni della partita. Ho tanta rabbia in corpo e voglio rivivere momento come quelli vissuto prima ad Ascoli, poi a Catania".

Al Torino serve un attaccante importante da affiancare a Bianchi o sostituirlo in caso di necessità e Paolucci a Torino, sponda granata, potrebbe mettere a disposizione tutta la sua voglia di tornare protagonista. Già un paio di anni fa il suo nome fu accostato al Torino, che questa sia la volta buona? I rapporti tra Petrachi ed il Siena sono buoni, visto l'affare Garofalo, ma c'è un problema: il Siena difficilmente accetterebbe di rinforzare una diretta rivale per la promozione.