Fiorentina, Sottil: "Il calcio è DNA, ma non basta"

26.07.2021 16:38 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Fiorentina, Sottil: "Il calcio è DNA, ma non basta"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini

L'ex attaccante granata, ora alla Fiorentina Riccardo Sottil, ha parlato della sua passione per il calcio ai microfoni del canale ufficiale della società viola.

"Il calcio per me è ragione di vita. Da piccolo, mio padre giocava a calcio, una vita in Serie A, adesso fa l’allenatore. Quindi sono nato già nella culla col pallone. I primi regali dai miei zii o nonni sono sempre stati palloni. Però quello che dico sempre anche ai miei amici è: ‘Il calcio è DNA, però va sviluppato con il lavoro’. Il talento te lo da madre natura, ma non devono mancare costanza e attitudine al lavoro. E' quello che fa la differenza". 

Sul fatto di essere figlio d'arte (suo padre Andrea ha giocato nel Torino, ndr) ha aggiunto: "Può mettere aspettative. Però la pressione non l’ho mai sentita. La rovesciata? E' un gesto che è mio. Faccio più fatica a farla di destro che di sinistro. Il destro è il mio piede forte, ma è così. Tanti mi chiedono il perché, ma a me viene naturale farla di mancino. Non me l’ha insegnata nessuno, fin da piccolo mi è venuta naturale".