Urgenza in difesa

29.10.2015 20:12 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Urgenza in difesa
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Gaetano

Pochi giorni per preparare il derby, con tanti dubbi e con una sola certezza, la difesa che era il punto di forza nelle passate stagioni, ma aggiungo di tutte le squadre di Ventura, ora è il principale handicap di questa squadra.

C’è la necessità di cambiare qualcosa, per invertire questo trend negativo, questione di uomini, forse, visto che il modulo poi è lo stesso della passata stagione, con il coraggio di cambiare non solo per il gusto di farlo, ma principalmente per ridare alcune certezze a questa squadra.

Basta analizzare i fatti, 10 gol subiti nelle ultime cinque partite, due gol a partita, un fardello difficile da sopportare per qualsiasi squadra, Barcellona e Bayern compresi, figurarsi per il Toro.

La cosa però da sottolineare, specialmente in riferimento a queste ultime partite, che i tiri subiti (quelli nello specchio della porta) dal Toro, e parlo di una questione meramente numerica, rientrano poi in una percentuale che si potrebbe considerare anche “normale” o almeno accettabile. Non è assolutamente normale ed accettabile la percentuale tra tiri e gol subiti, se non siamo al 90%, poco ci manca, tutto questo condito da una serie di errori individuali che lascia piuttosto perplessi. Paradossale il fatto che, contro la Lazio si è andati sotto praticamente al primo cross e primo tiro, c’era stato prima un tiro di Candreva comunque alto, e contro il Genoa si è andati sotto al primo cross, senza neanche ci fosse un tiro in porta.

Insomma, se non ci fanno male gli altri, riusciamo a farci male da soli.

Ripartire dalla difesa, mi sembra l’unica via percorribile, e per come la vedo io non è assolutamente una questione tattica, in caso contrario si subirebbe molto di più, ma può anche darsi che mi sbagli. Piuttosto errori personali, vedere Torino-Genoa, nel primo sbaglia Padelli, nel secondo Glik, nel terzo Peres, tre errori individuali, tre gol subiti. Discorso analogo si potrebbe fare per la partita contro la Lazio, escluso forse il secondo gol di Anderson, e per quella contro il Milan.

Vero che se non c’è l’errore, difficilmente nel calcio c’è il gol, ma questo non significa che bisogna, come regola assoluta, prendere gol al primo tiro o mezzo tiro dell’avversario, anzi, quando questo succede, c’è una buona percentuale di sfortuna, ma anche una percentuale non trascurabile di colpa, tattica o personale che sia.

Insomma qualcosa deve cambiare, anche perché come ho già detto questa squadra ha un gioco complessivo migliore di quella della passata stagione, almeno c‘è la possibilità di scagliare più frecce, con le due mezzali che partecipano maggiormente alla fase offensiva, segnano di più, e quindi, sarebbe un delitto buttare tutto alle ortiche come è successo ieri contro il Genoa.

Ora il derby, vero che la Juventus non sta attraversando un buon periodo, ma anche il Toro non è quello delle prime giornate. Loro, forse, segnano poco in relazione a quello che costruiscono, noi incassiamo troppi gol in relazione a quello che subiamo.

Detto cosi sembra una partita dal pronostico chiuso, pareggio con buona pace di tutti.

Ma, è il derby, tutto quello che era vero ieri, non conta più nulla.

La palla passa a Ventura, il tempo per riflettere non è molto, Juventus-Torino è proprio dietro l’angolo.