Udinese, Gotti: "Toro squadra aggressiva che gioca sui duelli"

21.11.2021 17:34 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Udinese, Gotti: "Toro squadra aggressiva che gioca sui duelli"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

In conferenza stampa ha parlato anche il tecnico dell'Udinese Luca Gotti. Le sue parole sono state riprese dal sito ufficiale bianconero.

Per il mister avversario del Toro la sua squadra arriva bene dopo la sosta: "Rispetto ai due anni precedenti quest’anno pochi giocatori sono andati via durante la pausa per la Nazionale. Questo ci ha permesso di lavorare meglio, soprattutto ci ha permesso di smaltire meglio i carichi di lavoro. In questo caso specifico, nella prima settimana, almeno 6/7 giocatori hanno smaltito piccoli infortuni e si sono preparati per affrontare la settimana in vista della gara di domani".

A questo punto sono stati recuperati buona parte dei giocatori: "È molto importante avere a disposizione tutti i giocatori che stanno bene. Questo ti permette di diverse soluzioni. La realtà è che due/tre giocatori non stanno benissimo e adesso abbiamo ancora 24 ore per capire. 24 ore possono essere indispensabili per recuperare fastidi di piccola entità. Pussetto, Samir e Arslan, che hanno avuto problemi prima della sosta, hanno lavorato già da alcuni giorni in gruppo e sembrano tutti arruolabili".

Sul Torino Gotti ha risposto: "Le caratteristiche della squadra di Juric sono sovrapponibili come concetto a quelle di Verona e un po’ anche dell’Atalanta. È una squadra aggressiva che gioca molto spesso duelli. La partita avrà un tratto comune con le altre due anche se il Torino non è identica alle altre due. Anche noi nel fare le stesse cose con giocatori diversi possiamo essere diversi".

Riguardo al proseguimento del campionato il mister dei friulani ha aggiunto: "Stiamo per affrontare un mini campionato di sette partite che ci portano alla fine del girone di andata. Sono sette partite in cui il calendario dell’Udinese è teoricamente un po’ più abbordabile di quello che è stato fino ad ora. Ci aspetta un mini campionato che deve mettersi nella condizione di essere un trampolino di lancio".