Torreira e Bonaventura pronti per la prima granata. Ma sul fronte viola

03.09.2020 10:58 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Image Sport
Torreira e Bonaventura pronti per la prima granata. Ma sul fronte viola

Entrambi seguiti con discreta convinzione da Vagnati, per Lucas Torreira e Giacomo Bonaventura, obiettivi granata di centrocampo, ci sono buone probabilità circa una presenza al debutto in campionato del nuovo Toro di Giampaolo. Entrambi, però, con la maglia della Fiorentina, che ospiterà i granata per l'apertura delle danze della prossima Serie A.

La maggior capacità di spesa dei viola, rispetto ai granata, sembra farla da padrone circa il prossimo futuro dell'ex-playmaker blucerchiato, che l'Arsenal appare pronto a cedere in prestito con diritto di riscatto obbligatorio: 6 milioni di euro da versare nelle casse londinesi all'immediato trasferimento, e la restante somma (intorno ai 17 milioni) nell'estate 2021 (questa l'intenzione degli inglesi) o un anno dopo (direzione verso la quale spinge la dirigenza gigliata). 

Obiettivo più raggiungibile per il Toro, "Jack", che ha a lungo flirtato col Benevento, appare ora piuttosto vicino a difendere la causa medicea. E, mentre per Torreira, vero e proprio discepolo di Marco Giampaolo, la compatibilità tattica col 3-5-2 di Iachini appare pressoché perfetta, con Castrovilli e Amrabat motori rombanti pronti a liberare gli spazi necessari perché l'uruguagio scateni la propria visione di gioco al di sopra della media, l'ex-Milan, che alla corte del tecnico ora granata ha lavorato solo per qualche mese, appare un vero e proprio matto, un "Jolly" più che un "Jack", nell'attuale scacchiere viola: mezzala, trequartista aggiunto in caso di passaggio al 3-4-1-2, persino seconda punta nella già atipica coppia d'attacco composta da Ribery (nelle occasioni in cui il veterano francese sarà a disposizione) e uno tra Cutrone e Vlahovic (ma non è scontato che tali restino i due centravanti), con Chiesa probabile partente. E il paradosso di trovarsi di fronte, forse, proprio alla prima giornata, sia Bonaventura sia Torreira, nell'undici avversario.