Le prossime avversarie, da Toszer all'ex granata Priyma

23.07.2019 05:21 di M. V.   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Le prossime avversarie, da Toszer all'ex granata Priyma

DEBRECEN (Ungheria) - Gli ungheresi si presentano al cospetto del Torino forti del terzo posto in campionato alle spalle di Ferencvaros e Mol Vidi, rischiando sino all'ultimo di non centrare la qualificazione, arrivata per un vantaggio di soli due punti sull'Honvéd e tre sul più conosciuto Ujpest. Si tratta comunque del miglior risultato dallo scudetto conquistato nel 2014, il settimo della sua storia. Rispetto alla scorsa stagione il gruppo è rimasto lo stesso, migliorato dall'arrivo davanti dei due attaccanti Trujic e Garba. Tra le vecchie conoscenze del nostro calcio troviamo Daniel Tozser, un anno poco fortunato tra le file del Genoa. Arrivano fino a qui superando nella doppia sfida gli albanesi del Kukesi, 3-1 in casa e 1-1 in trasferta. Coefficiente Uefa: 3000.

SHAKHTYOR SOLIGORSK (Bielorussia) - Sale il livello di difficoltà con al formazione bielorussa, soprattutto per il fatto di avere ancora il campionato in corso d'opera (precisamente a metà), dunque si tratta di una formazione molto pericolosa anche a livello di tenuta atletica, attualmente in terza posizione in classifica. reduce da una brillante seconda piazza alle spalle del Bate Borisov, che domina da quelle parti ormai da ben tredici anni a questa parte. Gruppo collaudato e lanciatissimo, con un calciatore già conosciuto direttamente dal Torino, un ex, il difensore ucraino Vasil Priyma, acquistato pochi mesi fa per puntellare la difesa. Nel turno precedente ha eliminato i maltesi dell'Hibernians con un doppio 1-0. Coefficiente Uefa: 4375.

ESBJERG (Danimarca) - La più pericolosa di tutte, almeno sulla carta. Anche qui il campionato è già cominciato, ma siamo solamente agli inizi (ed i danesi non hanno iniziato con il piede giusto, un solo punto conquistato in due partite, concludendo la scorsa stagione al quarto posto. Cliente molto scomodo, che cinque anni fa ha conteso i sedicesimi di finale di Europa League alla Fiorentina, venendo eliminato ma pur sempre superando i gironi. Si tratta dell'unica delle quattro squadre coinvolte ad entrare in questo turno del tabellone. Coefficiente Uefa: 5405.