Come cambia il Crotone con Cosmi? Rimane la difesa a tre

03.03.2021 14:50 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Tmw
Serse Cosmi
TUTTOmercatoWEB.com
Serse Cosmi
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Prima della partita contro la Juventus, il direttore sportivo del Crotone Giuseppe Ursino aveva detto che la scelta di passare da una difesa a tre rispetto a una quattro era stata presa di comune accordo con il tecnico, Giovanni Stroppa. Iconico quanto consueto il suo 3-5-2, per la sfida con i bianconeri era stato confezionato un 4-4-2 che ha potuto davvero poco contro la Juve, a parte una buona mezz’ora iniziale con pochi lampi da una parte e dall’altra.

RIVOLUZIONE COSMI? Più che una questione tecnico-tattica nelle ultime settimane sembrava che ci fossero dei problemi ulteriori. Se è vero che nelle ultime dieci partite sono arrivati solamente tre punti - 4-1 al Benevento - e che a un ritmo simile la retrocessione anticipata sarebbe praticamente certa, dall’altra è molto complicato pensare a un’inversione di rotta tale da recuperare gli 8 punti (e una partita) da cui dista il Torino. La scelta di Cosmi è quindi anche per una speranza disperata, a nove anni dall’ultima esperienza in Serie A. Il problema è che nelle ultime stagioni lo stesso Cosmi ha sempre giocato con il 3-5-2.

L’ULTIMA GRANDE ANNATA - È quella con il Trapani, di qualche anno fa, quando erano stati raggiunto i playoff di Serie B, con una formazione che però vagava dal 4-3-1-2 al 3-5-2: proprio con quest’ultimo, dal primo marzo in poi, erano arrivate 11 vittorie e 3 pareggi, oltre al terzo posto collettivo dietro a Cagliari e Crotone. Da lì in poi solo 3-5-2: difficile quindi pensare a un’enorme rivoluzione con Cosmi.