Zaza non è perfetto, ma serve più di quanto non si pensi a questo Torino

11.07.2020 11:00 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Simone Zaza
© foto di Image Sport
Simone Zaza

Zaza più croce che delizia e su questo non ci sono dubbi visto il rendimento dell’attaccante, ma adesso a questo Torino serve eccome perché è uno che fa a sportellate con gli avversari e aiuta Belotti a reggere il peso dell’attacco e, infatti, il “Gallo” ne trae giovamento riuscendo a segnare di più e il Toro ne trae vantaggio, non sempre per carità, però, in questo momento che ogni punto è prezioso per restare il più distante possibile dalla zona retrocessione è manna dal cielo.

E’ dal suo arrivo, due estati fa, che da Zaza ci si aspetta che contribuisca e non solo sporadicamente a rendere il Torino più prolifico sfruttando le sue caratteristiche, una discreta stazza fisica abbinata a altrettante discrete doti tecniche e a una certa propensione al gol. Ovviamente con una resa più continuativa e un maggiore numero di gol potrebbe fare decisamente di più, ma comunque si sta rendendo utile ed è per questo che Longo punta su di lui. Ci aveva provato anche Mazzarri, ma forse non ha creduto fino in fondo nel giocatore e non ha avuto la pazienza o la voglia di insistere nel proporlo in coppia con Belotti un po’ come fece con Ljajic, che in più avendo un caratterino non proprio facile da gestire precludeva ancor più di Zaza, pur avendo qualità decisamente superiori alla media, le possibilità di avere un feeling con l’allenatore.

Contro l’Inter Zaza non ci sarà per squalifica, ma tornerà per la successiva gara con il Genoa altra partita, come quella precedente con il Brescia, che vale pesantemente per la salvezza in quanto i rossoblù sono al terzultimo posto e in caso di sconfitta il margine di vantaggio del Torino aumenterebbe e se non proprio garantirebbe ai granata l’uscita definitiva dalla lotta per la salvezza assicurerebbe una buona percentuale di permanenza in Serie A, tenuto conto che poi mancheranno cinque giornate al termine del campionato e il Torino dovrà ancora affrontare la Spal nel terzultimo turno e i ferraresi allora potrebbero già essere aritmeticamente retrocessi. Zaza ha la grande opportunità di dare una mano concreta al Torino, sta a lui farlo dimostrando di servire più di quanto non si pensi.