Quella voglia che il Toro ottenga di più che accomuna Juric e i tifosi

25.04.2023 10:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Jvan Iuric
TUTTOmercatoWEB.com
Jvan Iuric
© foto di © DANIELE MASCOLO

C’è tanta voglia di continuare a migliorarsi e salire in classifica. Potevano e meritavamo di avere qualche punto in più. Sono strafelice anche per i nostri tifosi, visto che mi è stato difficile accettare i fischi che abbiamo ricevuto al termine della partita con la Salernitana. Non li meritavano proprio perché i giocatori danno sempre tutto e perché stanno comunque disputando un campionato importante. Ci mancava uno come Ilic a centrocampo, un mancino puro, un ragazzo che ha un grande potenziale e che migliora il nostro gioco. La gente però ha ragione, nel chiedere qualcosa in più a livello generale. Nelle ultime quattro stagioni la rosa della squadra è sempre stata stravolta e si è dovuto cominciare da capo, quindi si sentono un po’ delusi. Ma di questo Toro possono andare orgogliosi perché dà sempre tutto” così palava Juric, riportato da Tuttosport, dopo la vittoria sulla Lazio sabato sera.

La voglia di ottenere di più già in questo campionato c’è, ma vanno fatti i conti con la classifica perché nonostante la vittoria con la Lazio del Torino e le sconfitte di Bologna e Fiorentina, ad opera di Verona e Monza, mentre l’Udinese ha vinto con la Cremonese, l’Atalanta ha battuto ieri sera la Roma 3 a 1, rimanendo a presidiare il 7° posto con 52 punti, dopo che alla Juventus sono stati sospesi i 15 punti di penalizzazione, quindi restano immutati i 10 punti di vantaggio sul Torino e ovviamente manca una partita in meno, ne rimangono 7, al termine del campionato e in mezzo c’è il Bologna a quota 44 e appaiate ai granata Udinese e Fiorentina con 42. Raggiungere quindi il 7° posto, anche se aritmeticamente è fattibile nella realtà è quasi impossibile. Resta però d’obbligo puntare all’8° posto che in caso di una nuova sentenza con penalizzazione della Juventus potrebbe portare comunque ai preliminari di Conference League e a disputare la Coppa Italia a partire dagli ottavi quindi evitando di giocare dai trentaduesimi nei giorni intorno al Ferragosto.

Per i verdetti definitivi di questa stagione si deve comunque attendere, ma restano i messaggi che da tempo manda mister Juric a Cairo: alzare l’asticella non smantellando la squadra, quindi riscattando i giocatori in prestito, non cedendo e rinnovando i contratti ai migliori e nel mercato estivo prendere calciatori di qualità per completare la rosa, tenendo conto che servono delle alternative che non siano per valore tecnico troppo dissimili dai titolari. I desiderata di Juric sono esattamente quelli dei tifosi, soprattutto di quelli, e sono la maggioranza, che non si accontentano di galleggiare a metà classifica.