Le pagelle di Juventus-Torino: Lyanco due errori fatali. Che personalità Singo.

05.12.2020 20:39 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Dall'inviata allo Juventus Stadium ElenaSrossin
Lyanco
TUTTOmercatoWEB.com
Lyanco
© foto di www.imagephotoagency.it

Sirigu: 6 Incolpevole sui gol. Ronaldo ha provato subito a sorprenderlo calciando da centrocampo, ma la mira di CR7 non è stata precisa (1’). Nessun pericolo sul tiro dalla distanza di Bentancur che una deviazione lo ha fatto finire sul fondo (11’). Ha chiamato palla e anticipato tutti (19’). La conclusione a giro di Dybala è stata troppo centrale per impensierirlo (43’) e quella di Chiesa non ha inquadrato lo specchio della sua porta (64’). Con un ottimo intervento ha negato il gol a Chiesa (77’), ma nulla ha potuto sul colpo di testa da due passi di Mc Kennie, pescato da Cuadrado su sviluppo da calcio d’angolo, che ha così pareggiato (78’). Incolpevole anche sul gol di testa di Bonucci su traversone di Cuadrado (89’).

Lyanco: 5 Due errori fatali hanno vanificato una prestazione che sarebbe stata più che positiva e sono costati al Torino l’ennesima rimonta degli avversari. Puntuale l’intervento ad anticipare tutti (22’). In un’incursione offensiva da 25 metri ha tentato il tiro in porta, ma la palla è finita oltre la linea di fondo (32’). Buona la deviazione in angolo su tiro di Ronaldo (56’). Sulla punizione di Cuadrado la palla gli è passata in mezzo alle gambe, ma era stato disturbato da Bonucci, oltretutto in posizione irregolare, e infatti poi l’arbitro, dopo essere andato al monitor a rivedere l’accaduto, ha annullato il gol (57’). Avrebbe dovuto essere più attento nel marcare Mc Kennie in occasione del gol (76’). Strepitoso il salvataggio sul tiro di Dybala (89’). Gravissimo l’essersi fatto sorprendere alle spalle da Bonucci che così ha segnato il gol della vittoria della Juventus (89’)..

Nkoulou: 6,5 Attento negli anticipi e anche goleador, peccato non sia servito. Arrivando con un tempismo perfetto, su angolo di Ansaldi e dopo un tocco non preciso di Meïté, ha calciato in porta sbloccando il risultato (9’). Perfetto l’anticipo su Ramsey, parecchio vicino a Sirigu, con palla in calcio d’angolo (87’).

Rodriguez: 5,5 Ha un po’ partito Cuadrado. Ha colpito in pieno la barriera calciano una punizione (52’).

Singo: 6,5 E’ sembrato un veterano, sempre puntuale in fase difensiva nell’anticipare gli avversari. Per evitare pericoli sulla pressione bianconera si è rifugiato in calcio d’angolo (3’). Una sua accelerata è stata fermata fallosamente (7’). Buono il recupero su Chiesa in calcio d’angolo (44’). Ancora un pallone ben intercettato (61’). Ennesimo anticipo su angolo battuto da Dybala (81’).

Meïté: 5,5 Spesso è stato impreciso, ma non è una novità. Su calcio d’angolo di Ansaldi ha calciato male di tacco rischiando di vanificare un’occasione da gol, ma ci ha pensato Nkoulou (9’). Avrebbe dovuto far miglior guardia su Ronaldo impedendogli di inserirsi nell’azione che poi ha portato al gol di Bonucci (89’).

Rincon: 6 Come sempre ha lottato senza risparmiarsi. Dopo aver colpito la palla un giramento di testa lo ha messo per qualche secondo ko, ma si è ripreso prontamente (12’).

Linetty: 5 Oltre ad aver sprecato due contropiedi ha commesso qualche disattenzione di troppo soprattutto nel finale. de Ligt in qualche modo ha fermato il suo contropiede (20’). Ha sbagliato servendo un po’ indietro Zaza vanificando un ottimo contropiede (45’). Ha sporcato il pallone, su calcio d’angolo, quanto è bastato per farlo arrivare a Belotti che ha innescato una ripartenza (50’). (Dal ‘90+1’ Segre: n.g. La sua girata di testa è finita sul fondo (90’+4’)).

Ansaldi: 6 Ha fatto buoni cross e solo nel filale ha patito un po’ Cuadrado quando è calato nella condizione fisica.. Dalla bandierina ha calciato basso sul primo palo dove c’era Meïté che di tacco non è riuscito a calciare bene, ma ci ha pensato Nkoulou a spedire la palla in rete (9’). Attento nell’intercettare un cross in area (31’). La Juventus ha protestato per un suo intervento in area ad allontanare, ma il Var ha giudicato corretto il suo operato (35’). Non è stato preciso nel crossare sul secondo palo per Zaza (37’). Buono il suo cross per la mezza rovesciata di Belotti (45’). (Dal ‘90’+3’ Bonazzoli: n.g.).      

Zaza: 5,5 Si è sbattuto e non poco anche andando ad interdire, ma si è mangiato un gol che non gli può essere perdonato e ha sbagliato a protestare al momento della sostituzione. Su lancio di Belotti è partito in contropiede, ma Szczesny ha intercettato il suo tiro (13’). Su angolo a seguito della punizione di Dybala, è intervenuto allontanando (34’). Ha sbagliato atteggiamento quando è stato sostituito non prendendola bene e dopo aver battibeccato con il mister se n’è andato direttamente negli spogliatoi. (Dal ‘74 Lukic: 5,5 L’assenza forzata per il Covid gli ha tolto brillantezza).

Belotti: 6,5 Cuore Toro, ha fatto come sempre il boia e l'impiccato, ma non è bastato. Buono il lancio per il contropiede di Zaza (13’). Con una gran bella giocata ha allontanato il pericolo e si è procurato una punizione (28’). In mezza rovesciata, su cross di Ansaldi, non ha inquadrato lo specchio della porta (45’). Interessante la sua ripartenza (50’).

Marco Giampaolo: 5 Al suo ritorno in panchina, dopo l’assenza forzata da Coronavirus, chiedeva alla squadra di affrontare la Juventus giocando la partita senza lasciarsi giocare dalla partita ed è stato accontentato fino al minuto 78’ quando i suoi sono incappati nella settima rimonta degli avversari in dieci partite gettando altri tre punti alle ortiche e vanificando quanto di buono avevano fatto fino a quel momento. Formazione quasi scontata stante le assenze di Verdi, Millico, Murru e anche quelle di Ujkani e del lungodegente Baselli. Era scontato che Vojvoda, Lukic e Gojak fossero in panchina visto che il via libera dal tampone negativo al Covid era arrivato nei due giorni scorsi e non si allenavano con il resto del gruppo da prima che partissero per gli impegni con le rispettive Nazionali. L’unico dubbio era fra quali difensori avrebbero giocato visto che li alterna e la sua scelta è ricaduta su Lyanco e Nkoulou al quale si è unito Rodriguez, che è il terzino finora sempre scelto per completare la linea difensiva a tre. La Juventus è partita subito in pressing, ma i suoi hanno retto l’urto e poi hanno preso le misure ai bianconeri passando in vantaggio con Nkoulou (9’) e sono anche andati vicino al raddoppio prima con Zaza (13’) e poi con Belotti (45’), ma soprattutto non hanno permesso ai bianconeri di tirare in porta fino al minuto 43’. Anche nella ripresa la squadra si è comportata bene e ha tenuto testa ai bianconeri cedendo però nel finale sotto la loro pressione. Alla vigilia aveva detto che la tenuta difensiva secondo i parametri non è un disastro, ma i due gol subiti hanno raccontato un’altra cosa. E forse la sostituzione di Zaza ha tolto un elemento che comunque poteva infastidire gli avversari.

JUVENTUS: Szczesny: 6,5; de Ligt: 6; Bonucci: 6; Danilo: 5,5 (dal ‘71 Alex Sandro : 6); Cuadrado: 6,5; Bentancur: 6; Rabiot: 5,5 (dal ‘71 Mc Kennie : 7); Chiesa: 5,5; Kulusevski: 5,5 (dal ‘57 Ramsey : 6); Dybala: 5 (dal ‘90’+1’ Bernardeschi: n.g.); Ronaldo: 5,5.
Andrea Pirlo: 6.

Arbitro Daniele Orsato: 6 Ha arbitrato senza commettere errori, mantenendo sempre in pugno la gara anche nel finale un po’ concitato. Avrebbe potuto non lasciar correre quando de Ligt ha fermato in qualche modo Linetty partito in contropiede (20’). Coadiuvato dal Var ha giudicato corretto l’intervento in area ad allontanare di Ansaldi, che evidentemente non aveva toccato la palla con la mano (35’). Giustamente non ha sanzionato Singo per l’involontario colpo sul volto a Chiesa (47’). Corretta l’ammonizione a Kulusevski per la trattenuta al limite a Linetty (51’). Ha annullato il gol di Cuadrado, dopo aver rivisto l’accaduto al monitor, perché Bonucci in posizione irregolare era anche andato a disturbare Lyanco intento a intercettare il tiro (60’). Giusto il giallo a Lyanco per fallo su Bentancur (70’), a Lukic sempre per gioco scorretto nei confronti dell’uruguaiano (76’) a Cuadrado (90’+5’) e a Bonazzoli per un intervento in ritardo su Chiesa (90’+6’). E ha espulso Pinsoglio evidentemente per qualche parola inopportuna dopo la rete di Bonucci (90’).