Le grandi trattative del Torino - 2011, doppio colpo Glik-Darmian per la A. E per l'Europa

01.04.2020 16:00 di Emanuele Pastorella   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Le grandi trattative del Torino - 2011, doppio colpo Glik-Darmian per la A. E per l'Europa

Il Torino è reduce dal terzo peggior risultato della sua storia, un ottavo posto in serie B, e il ds Gianluca Petrachi deve ricostruire: il progetto Franco Lerda è naufragato malamente, sotto la Mole arriva Gian Piero Ventura. Un guru del calcio, capace di far sognare ed esaltare due piazze come Pisa e Bari, che ora ci riprova con i granata. Decide di partire dalla difesa, la retroguardia del Toro vive una fase di restyling totale. E’ il 12 luglio 2011, il presidente Cairo e il ds Petrachi confezionano una doppia operazione in entrata dal Palermo: Kamil Glik e Matteo Darmian sbarcano in granata, per loro due affari in compartecipazione. Due difensori alle prime armi con il calcio tra i cadetti, reduci rispettivamente dai prestiti al Padova e al Bari, che i rosanero decidono di non confermare per la serie A. Arrivano entrambi in punta di piedi, si dimostreranno colonne portanti del Toro di Ventura.

Al primo tentativo arriva la promozione, poi sarà una crescita esponenziale anno dopo anno. E il presidente Cairo, su suggerimento di Petrachi e di Ventura, opta per il doppio investimento: alla fine, Glik e Darmian, tra rinnovi di comproprietà e acquisti a titolo definitivo, costeranno complessivamente intorno ai tre milioni di euro. Sotto la Mole esploderanno, conquistandosi un posto da titolari fissi nelle rispettive nazionali e facendo letteralmente innamorare il popolo granata. Glik, primo polacco nella storia del Toro, diventerà anche il primo capitano straniero a leggere i nomi dei caduti di Superga, mentre Darmian sarà l’eroe del San Mamès: suo, infatti, il gol del definitivo 2-3, quello decisivo per espugnare Bilbao e approdare agli ottavi di finale dell’Europa League del 2015. Ma sarà fondamentale anche per battere la Juventus dopo vent’anni di astinenza, con il momentaneo 1-1 poi ribaltato definitivamente da Quagliarella due mesi dopo l’impresa di Bilbao.

Restano ancora negli occhi le immagini del suo lunghissimo abbraccio con Ventura al momento della sostituzione nella sfida contro il Cesena del maggio 2015, in quella che sarebbe stata la sua ultima apparizione in maglia granata. Dodici mesi dopo, invece, sarà Glik a lasciare il Toro, chiudendo di fatto un cerchio: sarebbe stata anche l’ultima panchina del tecnico, l’ultimo atto di un lungo progetto partito dalla B e arrivato fino in Europa. Darmian avrebbe salutato dopo 150 presenze e 6 gol, il polacco invece dopo 171 gettoni e 13 reti. Dalle loro cessioni al Manchester United e al Monaco, il presidente Cairo incasserà 30 milioni di euro (18+2 per l’esterno, 10 per il centrale): di fatto, la plusvalenza è stata di dieci volte tanto.