Lazio-Torino, le pagelle: Darmian sontuoso, Cerci brilla ma spreca

31.10.2012 23:43 di Riccardo Billia   vedi letture
Lazio-Torino, le pagelle: Darmian sontuoso, Cerci brilla ma spreca
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

 

Gillet 6: nei primi 45’ Candreva testa la sua reattività. A parte qualche intervento utile ai fotografi, usa le mani solo per applaudire il chirurgico sinistro di Mauri.
 

Darmian 7,5: argina i tentativi di incursione di Lulic e Gonzalez. Si traveste da ala d’annata nell’assist per Bianchi e macina chilometri senza soluzione di continuità. Irriducibile.
 

Glik 7: sblocca la gara certificando il dominio iniziale dei granata. Sguinzaglia Mauri e Rocchi in un paio di circostanze, ma mostra gli artigli. Garanzia del reparto.
 

Rodriguez 6,5: duella con chiunque passi dalle sue parti. Esce tardi sul gol di Mauri, ma un’occhiataccia al ritardatario Brighi sarebbe il minimo. Si immola sulla botta di Rocchi e lotta nell’arena sino alla fine. Piacevole conferma.
 

D’Ambrosio 6: diligente e attento. Dà il via all’azione più pericolosa dei granata divorata da Cerci. Soffre come del resto tutta la squadra nella parte centrale della ripresa. Altra iniezione di autostima.
 

Gazzi 5,5: gregario di mestiere, deve contenere le avanzate centrali biancocelesti. Nel secondo tempo rompe gli argini e i laziali si ingolosiscono con il passare del tempo.
 

Brighi 5.5:  dovrebbe far avanzare il baricentro granata, ma è più occupato a costruire la diga con Gazzi. Non fa il suo dovere in copertura e Mauri ringrazia. Va fuori giri alla distanza e la difesa ne risente. Urge una sosta ad una stazione di servizio.
 

Cerci 6,5: impatto quasi devastante sulla gara. Dopo il consueto blackout riemerge allo scadere del primo tempo divorandosi il raddoppio. Il salto di qualità sottoporta non si materializza, ma è l’unico in grado di cambiare marcia alla squadra (st Birsa 41': sv)


Santana 5: macchinoso e prevedibile. Ventura lo martella tutto il primo tempo. Poteva far meglio nell’incornata su assist di Sgrigna. Mezzo voto in più per il rientro dopo l’infortunio (st 16’ Stevanovic 5: assiste la partita dalla sua fascia. In teoria avrebbe dovuto parteciparvi).
 

Bianchi 5,5: il gioco sporco non lo intimorisce. Purtroppo il suo compito comporterebbe soprattutto arrivare puntuale e cattivo agli appuntamenti con il gol. Non era la serata adatta.


Sgrigna 6: qualche sporadico spunto al ralenti e un paio di servizi d’autore che Cerci e Santana non concretizzano. Esce furente (st 19’ Meggiorini 5: fa rimpiangere il predecessore).
 

All. Ventura 6,5: primo tempo da incorniciare per compattezza e puntualità nelle ripartenze. Il blocco centrale di centrocampo va in apnea con il passar del tempo, pecca inevitabile contro le big. I cambi non hanno fruttato come sperava. I pressupposti per scacciare la crisi del gol si sono creati questa sera: certo non spetta a lui sconfinare in area di rigore per gonfiare la rete. Due passi avanti rispetto alla gara con il Parma.

 

Lazio (4-4-2)
Bizzarri 6, Konko 6, Biava 6, Dias 6, Lulic 5,5; Cana 5,5, Gonzalez 5,5 (12' st Cavanda 6), Candreva 6,5 (40' st Brocchi sv), Mauri 6,5; Rocchi 5 (29' st Floccari sv), Klose 5,5. All.: Petkovic 5,5