Chi è Marius Marin, il mediano del Pisa che piace al Toro?

26.04.2020 06:00 di Marcello Ferron   Vedi letture
Fonte: Scoutnation
Chi è Marius Marin, il mediano del Pisa che piace al Toro?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La strategia di mercato che sembra voler adottare il Toro per le prossime sessioni è quella di dedicare una grande attenzione ai giovani talenti che si stanno mettendo in luce nel campionato di Serie B. Ed ecco quindi finire sul taccuino dei granata prospetti come Paleari, Maggiore, Carraro e Marius Marin, centrocampista rumeno classe 1998 in forza al Pisa.

Cresciuto in patria nel Poli Timisoara, Marin è arrivato in Italia nel 2016, acquistato dal Sassuolo. Dopo una prima stagione nella Primavera degli emiliani è stato mandato in prestito per due stagioni, la prima al Catanzaro e la seconda al Pisa. E proprio in Toscana nella stagione 2018-2019 il giovane centrocampista rumeno è riuscito ad affermarsi, conquistando con i nerazzurri la promozione in Serie B e convincendoli ad acquistarlo a titolo definitivo. In questa stagione è riuscito a mettersi in mostra anche in Serie B, totalizzando finora 20 presenze e fornendo 3 assist. Le buone prestazioni non sono passate inosservate allo staff granata che ha messo gli occhi su di lui. Marin è un centrocampista centrale, ma può giocare anche come mezzala, ruolo ricoperto sia a Catanzaro che in alcuni frangenti anche a Pisa. E' un centrocampista di sostanza ma che riesce anche a disimpegnarsi abilmente con il pallone. Il suo piede è il destro. Le buone prestazioni all'ombra della Torre gli sono valsi anche la convocazione nella Nazionale Under 21 rumena, con la quale finora vanta 2 presenze.

Certamente Marin rappresenterebbe un investimento a lungo termine per il Toro, e in caso di un suo arrivo sarebbe sbagliato pretendere che possa conquistarsi la titolarità nell'immediato, ma sicuramente potrebbe essere un acquisto significativo in ottica futura. Il prezzo del cartellino, secondo Transfermarkt è di 300 mila euro; una cifra sicuramente non esorbitante, e che potrebbe convincere Massimo Bava e lo staff granata ad investire su di lui, con l'obiettivo e la speranza di trovare un giocatore che possa rappresentare un'importante pedina per il centrocampo granata negli anni a venire.