Cairo: "Non mi espongo su Torreira, Sirigu rimane, Izzo non andrà via a cuor leggero"

09.09.2020 16:34 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
Fonte: TMW
© foto di Image Sport
Cairo: "Non mi espongo su Torreira, Sirigu rimane, Izzo non andrà via a cuor leggero"

Urbano Cairo ha incontrato i media a margine dell'Assemblea di Lega, che si è tenuta oggi a Milano. Il presidente granata ha dapprima confermato di essere d'accordo sulle decisioni prese.

"E' stata una buonissima decisione quella presa, per di più all'unanimità. Un cambiamento importante, epocale. Credo possa essere molto positivo, s'è presa una direzione che andrà a valorizzare molto di più il calcio italiano. E' evidente che in una Lega in cui hai 20 presidenti, quindi 20 teste e 20 modi di pensare, possano esserci esigenze e modi di pensare diversi. Poi però oggi s'è dato un bel segnale di unità perché s'è deciso di dare una delega per la gestione della Serie A a manager assolutamente competenti che vengono scelti da noi. Hanno molto esperienza e competenza, poi dialogheremo insieme...".

Dal Pino merita il plauso: "Col suo arrivo ha introdotto alcuni elementi di novità dal punto di vista dell'approccio, lui ha esperienza nei mercati finanziari e ha portato la sua esperienza. Il prossimo step? Scegliere una delle due private equity in corsa".

Cairo poi si ferma a chiacchierare del Torino, dei cambiamenti avvenuti e che avverranno ancora, senza però voler confermare l'arrivo o meno di Torreira: "Abbiamo cambiato direttore ed allenatore, abbiamo acquistato tre calciatori importanti. Direi proprio di si... Torreira? Noi abbiamo già preso giocatori fondamentali per il mister. Poi su altri nomi non mi espongo, sono di altre squadre. Abbiamo un ventaglio di possibilità".

Su Izzo e Sirigu ha aggiunto: "Sirigu sicuramente rimane. Izzo è un giocatore molto importante per noi, ha una serie di pretendenti ma non lo lasciamo andare via a cuor leggero".

Sulla riapertura degli stadi ai tifosi Cairo ha commentato: "Pensiamo che possa essere una buona cosa tornare a riaccogliere i tifosi negli stadi. Anche perché è possibile per i singoli eventi e non vedo perché no in campionato... Poi ci sarà da capire in quanti possono entrare. Nelle prime partite mi sembra di capire non sarà possibile, ma poi spero che ogni partita possa essere quella buona per riaprire".

Il fondo verrà scelto a breve: "Credo nelle prossime due settimane", ha confermato il presidente granata.