Al Torino manca un adeguato apporto dagli uomini di fascia, che devono fare decisamente di più

22.11.2023 11:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Bellanova e Vojvoda
TUTTOmercatoWEB.com
Bellanova e Vojvoda
© foto di www.imagephotoagency.it

Il gioco di Juric prevede che chi gioca sulle fasce dia tanto soprattutto in fase offensiva sia in termini di portare in avanti la palla sia di mettere i compagni nella condizione di poter segnare, ma anche di andare in gol in proprio. Quest’anno il Torino sulle fasce ha cambiato la metà degli interpreti, infatti sono andati via Aina e Singo e sono arrivati Bellanova e Soppy, mentre Vojvoda e Lazaro sono rimasti. Il più utilizzato di tutti in campionato da Juric è stato Bellanova che è sceso  in campo in 11 delle dodici patite fin qui disputate e ha giocato per 992 minuti, a seguire Lazaro, che è tornato dopo la prima di campionato, con 11 gare per 809’, Vojvoda 8 match per 531’, utilizzato anche da braccetto destro, e Soppy, che è stato preso dopo che erano state disputate già due giornate e che purtroppo  è stato fuori a causa di un infortunio, di partite ne ha giocate 3 per un totale di 129’.

Il cambio sulla carta prometteva bene, ma finora non ha dato i frutti sperati. Infatti i numeri (dati Lega Serie A) non possono che essere definiti deludenti: 0 gol e 1 solo assist, firmato da Bellanova. 16 tiri dei quali 3 in porta, il più prolifico è stato Lazaro con sette dei quali uno in porta seguito da Vojvoda con cinque con due indirizzati in porta e da Bellanova con quattro. Le occasioni da gol create da questi quattro giocatori complessivamente sono state 28, rispettivamente 13 da Lazaro, 10 da Bellanova, 3 da Vojvoda e 2 da Soppy. E per quel che riguarda i palloni giocati in avanti con esito positivo da parte di Bellanova ce ne sono stati 149, di Lazaro 148, di Vojvoda 116 e di Soppy 16, che nel complesso sono stati 429.

E’ evidente che l’apporto dalle fasce deve aumentare, ed anche parecchio, affinché il Torino si renda più pericoloso in zona gol e segni più reti. La squadra con le due punte sembra aver trovato un’efficienza maggiore, ma dopo le prove positive con Lecce, Sassuolo e Monza nelle ultime tre partite di campionato adesso a partire da lunedì sera contro il Bologna occorre che ci siano delle conferme. La classifica è corta e compatta con 11 squadre (Napoli 21 punti, Atalanta e Fiorentina 20, Roma e Bologna 18, Monza e Lazio 17, Torino 16, Frosinone 15, Genoa e Lecce 14) in 7 punti che occupano i posti dal 4° al 14esimo. Si attende per tanto un sostanzioso contributo da parte di Bellanova, Lazaro, Vojvoda e Soppy.