Ventura: "Meritavamo noi, loro mai tirato in porta"

03.03.2013 15:22 di Marina Beccuti   vedi letture
Ventura: "Meritavamo noi, loro mai tirato in porta"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Al termine del match contro il Palermo, finito a reti inviolate, ha parlato ai microfoni di Sky Giampiero Ventura, che si è complimentato con gli avversari: "Il Palermo è in una posizione che non merita, la qualità dei giocatori è superiore e lotterà fino alla fine per salvarsi. Ma se noi avessimo vinto nessuno avrebbe avuto nulla da dire, perchè abbiamo avuto cinque palle gol nitide contro nessuna dei nostri  avversari. Sappiamo che ci servono ancora otto punti per raggiungere il nostro obiettivo, non facciamo calcoli, dobbiamo solo prenderli. Oggi comunque avremmo meritato molto di più. A me interessa principalmente dare continuità alle prestazioni. E' vero che abbiamo lasciato molti punti per strada, ma stiamo facendo molto bene pur essendo una neopromossa. Oggi il Palermo non ha tirato in porta per merito nostro, perchè se gli concedi qualche metro tra le linee ti fa male. Ora avremo tanti scontri diretti e gare toste, dobbiamo cercare di fare i punti che ci mancano".

Sui singoli Ventura ha voluto sottolineare: "Rodriguez? E' stato bravissimo quando è mancato Ogbonna ed è una pedina per il futuro del Torino. Nonostante abbia 27 anni ha ancora tanta voglia di fare bene e di sfondare". Giudizio agrodolce per Cerci: "Deve essere aiutato perché ha delle potenzialità enormi ma deve diventare un giocatore che fa la differenza, non deve accontentarsi di essere solo un buon giocatore. E' cresciuto molto ma deve ancora migliorare. Allenare Cassano? Ho fatto quattro anni con Cellino e due con Zamparini, ho già dato... (sorride, ndr)".