Toro: è questione di alternative

08.09.2009 11:29 di redazione TG   vedi letture
Fonte: Srweb
Toro:  è questione di alternative
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Giulia Borletto

Dopo tante lodi arrivano le prime critiche, anche se per qualcuno sarebbe meglio dire ritornano visto che sembra che non si aspettasse altro.

L'ottovolante degli umori ha imboccato una ripida discesa dopo la sconfitta con il Brescia e non siamo fondamentalmente d'accordo con quelli che affermano che questa sconfitta faccia bene alla salute: se il Toro avesse "marcato tre", nuovamente, siamo sicuri che sarebbe stato meglio.

Ma siccome le cose vanno come vogliono o se preferite seguono il proprio corso, anche perchè se fosse per noi il Toro vincerebbe la Champions tutti gli anni, facciamo di necessità virtù e analizziamo un pochino questa sconfitta.

Di Michele e Bianchi non adeguatamente riforniti, sono stati disinnescati e l'assenza o quasi della spinta degli esterni, diminuisce e di molto la possibilità di creare problemi agli avversari.
Il Brescia aveva motivazioni da vendere e comunque è riuscito a segnare una sola volta, non a travolgere i granata che comunque hanno in qualche modo replicato.

Il problema in fondo è sempre lo stesso: se Di Michele è in giornata Bianchi non si ritrova da solo a combattere contro 3 o 4 difensori, altrimenti siamo destinati ad assistere alle repliche del copione già visto troppe volte: Stellone da solo che si crossa il pallone e poi lo deve andare a prendere.

Era la stessa cosa con Rosina.

Se il fantasista era in giornata erano rose e fiori, altrimenti non si cavava un ragno dal buco.
Questo, secondo noi, è l'aspetto che va curato maggiormente da Colantuono ma siamo convinti che il lavoro giusto verrà fatto.

Si attende Vantaggiato come rinforzo fattivo per l'attacco e c'è la voglia di vedre il "filiforme" Arma sgambettare sul prato perchè qualche alternativa ogni tanto bisogna metterla in gioco e rischiare qualche cosa.

Non è certo una critica nei confronti del Mister, anzi, mancano alcuni giocatori base nel Toro: Leon, Ogbonna e Pisano, che cambieranno di sicuro il volto alla squadra.
Fra le altre cose se Gasbarroni gira a vuoto, vorremmo vedere un modulo alternativo ... ma ripetiamo è ancora troppo presto e immaginiamo un Toro ben diverso alla fine di ottobre quando la squadra avrà preso consapevolezza e giocando magari in maniera cinica porterà a casa altri risultati.

Ci sono in ballo ancora 117 punti dei 126 in palio e anche chi le ha perse tutte e tre fino ad ora, se si organizza, può stravincere il campionato ... il Toro ne ha già 6!

Certo che Sabato contro l'Albinoleffe tornare a marcare tre sarebbe una buona cosa, magari giocando anche bene.
Foschi l'aveva detto: "Dai prossimi due mesi mi aspetto tante critiche" ... forse ne capisce qualche cosa di calcio? Immaginiamo proprio di si.

 

GMC