Lazio – Torino potrebbe doversi giocare: gli scenari

27.02.2021 13:00 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Radiosei, lalaziosiamonoi.it
Lazio – Torino potrebbe doversi giocare: gli scenari
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport


Il focolaio Covid con variante inglese che ha colpito il Torino ha reso indisponibili 8 calciatori e costringe la squadra in quarantena con i giocatori in isolamento domiciliare come imposto dall’Asl, Per cui dopo la partita con il Sassuolo rinviata anche quella con la Lazio potrebbe vedere i granata impossibilitati a scendere in campo perché non possono recarsi a Roma il 2 marzo, ma al momento questa gara non è stata rinviata. E, riporta la rassegna stampa di Radiosei citata da lalaziosiamonoi.it, potrebbe non subire alcuno slittamento e allora se i granata non si presentassero il giudice sportivo dovrebbe assegnare alla Lazio la vittoria a tavolino ma, presumibilmente, senza infliggere punti di penalizzazione al Torino.

GLI SCENARI - In caso di nessun nuovo positivo dopo i tamponi in programma questa sera, l'Asl 1 potrebbe riaprire il Filadelfia per allenamenti individuali. Ma cosa succederebbe se, invece, dopo i test di questa sera e quelli di lunedì, venissero fuori altri contagi e l'Asl prolungasse il divieto a tutto il gruppo squadra di muoversi da Torino? Secondo la normativa in vigore, i granata dovrebbero schierare la Primavera in toto. Altrimenti, gara persa a tavolino. E il "caso Napoli" non è un precedente da prendere in considerazione. A differenza di quanto accaduto alla squadra di Gattuso, per quanto riguarda il Torino la Lega ha già rinviato una partita e le regole prescrivono al massimo un rinvio a stagione, indipendentemente che la decisione arrivi dal club - che può giocarsi il famoso jolly - o dall’Asl di competenza. In assenza di una legislazione sportiva, valgono le interpretazioni, soggette di certo a possibili contenziosi nei tribunali sportivi.

Ed è proprio l’interpretazione dei regolamenti in assenza di una legislazione che può far cambiare lo scenario. Infatti le disposizioni dell’Asl in materia di salute pubblica sono superiori alle regole che si è dato il calcio oppure no? Se lo sono allora come si fa a dare al Torino la sconfitta a tavolino se i suoi giocatori non possono recarsi a Roma a giocare la partita e quanto è effettivamente legittimo sostituire la prima squadra con la Primavera che disputa un altro campionato, anche se i giocatori della Primavera sono utilizzabili in Serie A? In quest’ultimo caso per quanto siano utilizzabili la prassi da sempre ne convoca alcuni e li manda in campo, ma non li utilizza tutti. Anche quando il Grande Torino perì a Superga e le ultime partite del campionato furono disputate dalla Primavera granata le altre squadre fecero giocare i pari età e le gare non furono disputate dalla Primavera del Torino contro la prima squadra degli avversari.