Figc, Gravina: "Non mi piace l’idea di sanzionare la Juventus, prima che ci sia un processo"

30.11.2022 14:04 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Figc, Gravina: "Non mi piace l’idea di sanzionare la Juventus, prima che ci sia un processo"
TUTTOmercatoWEB.com

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha parlato a margine dell'evento pubblico "Calcio & Welfare" a Napoli, del caso Juventus, come ha riportato Calcio & Finanza.

Queste le sue parole.

"Non mi piace l’idea di sanzionare alcune realtà, nel caso specifico la Juventus, prima che ci sia un processo. Ci sono delle indagini, ci sono delle acquisizioni di atti, la nostra procura è allertata, ma non conosciamo l’esito e lasciamo andare avanti la magistratura ordinaria. C’è comunque un collegamento tra i due rami di giustizia, aspettiamo cosa emerge dal processo e poi facciamo una riflessione sul sistema, ma ora non colpevolizziamo e sanzioniamo i soggetti prima delle indagini".

Sulle presunte irregolarità Gravina ha aggiunto: "È vox vostra, non vox populi. Se vogliamo andare sul linciaggio di piazza non è un problema, ma stiamo calmi perché temo che quel tema possa riguardare anche altri soggetti".

Gravina però ha poi voluto puntualizzare.

"La Federazione non fa sconti. E' sicuramente per un principio di garanzia per tutti ma c'è un momento in cui il calcio ha l'esigenza di accumulare tutte le negatività e di scaricarle. Credo che in questi 4 anni ci siano stati tanti elementi di valutazione che fanno capire il nostro modo di essere e di agire. Quindi sottolineo: garantisti sì, siamo per un sistema di tutela, ma il mondo del calcio ha una grande capacità. Grazie alla passione, al contributo dei volontari, all'entusiasmo dei suoi tifosi, sviluppa e matura degli anticorpi e reagisce anche ad attacchi così violenti come quelli che sta subendo. Ne usciremo ma a una sola condizione: con la capacità di essere coerenti nell'applicare e nel pretendere rispetto delle regole e soprattutto nel punire, se bisognerà punire, ma nell'assolvere se nel caso di assolvere".