DE BIASI carica il Toro: «A Udine per vincere»

04.10.2008 15:34 di redazione TG   vedi letture
Fonte: tuttosport.com
DE BIASI carica il Toro: «A Udine per vincere»
TUTTOmercatoWEB.com

De Biasi sprona il Toro. A Udine i granata dovranno giocare solo per un obiettivo, la vittoria: «Negli ultimi anni non abbiamo mai vinto, ma c'è sempre una prima volta. Non mi interessa il pareggio, mi interessa che la squadra vada in campo e costruisca con concretezza le occasioni da gol. Finora non siamo mai stati messi sotto pressione da nessuno, a parte squadre che hanno già una struttura concreta. Vorrei che riuscissimo a dominare i nostri istinti e a vivere con serenità i risultati. L'Udinese ha avuto un buon inizio di stagione, ha giocatori di grandissimo spessore. Uno che puà rompere gli equilibri della partita quando vuole è Di Natale, ma anche D'Agostino».ROSINA TORNA PRESTO - Il nuovo stop di Rosina (non convocato con Malonga, infortunato, e gli squalificati) non spaventa GdB, che è convinto di un veloce ritorno del fantasista in campo: «Rosina? Deve fare qualche terapia, poi tornerà ad essere il Rosina che conosciamo». OK NATALI, BARONE, ELVIS E ABATE - Il tecnico del Torino è rimasto piacevolmente colpito dalla prestazione di alcuni giocatori durante il match di Coppa Italia contro il Livorno: «Natali voglio elogiarlo, ha giocato bene e deve recuperare con calma. Barone mi ha stupito in positivo per il lavoro che ha fatto, così come Abbruscato e Abate, che non ce la faceva più ed ho dovuto toglierlo. La sosta poteva fargli bene, la convocazione in Under 21 non ci voleva, però ne prendiamo atto, buon per lui. Spero che giochi e che non rimanga in panchina».
FORMAZIONE? BIANCHI-AMORUSO DI PUNTA - «Davanti giocheranno i due che non hanno giocato in coppa, con Abate, dall'inizio. Altro non posso dirvi. Però ho le idee chiare, nessun ballottaggio. Chi va in campo saprà già cosa fare, anche chi va in panchina. Io? Sarò ben visibile in tribuna. Ogbonna? Non parliamone, lasciamolo tranquillo. Il modulo resterà lo stesso, non vedo il motivo di cambiarlo».