L'affare-Verdi frena la partenza di Millico. Era fatta col Chievo

03.09.2019 12:06 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
L'affare-Verdi frena la partenza di Millico. Era fatta col Chievo

Rimasto alla base, insieme al partner Primavera d'attacco Nicola Rauti, Vincenzo Millico, per un soffio, non si è accasato tra le file di un club di Serie B. Un prestito che sarebbe servito a fargli accumulare esperienza, e a rientrare nel progetto tecnico granata forse già dall'anno prossimo. Ora invece il classe 2000 si ritrova a dover sperare nelle briciole, in termini di minutaggio, di fronte a un reparto di rifinitori offensivi, tra seconde punte, ali, e trequartisti, pieno fino all'orlo di alternative. Stando a quanto riportato da Tuttosport, alle 21.30 di ieri l'accordo col Chievo Verona, che aveva ottenuto un netto vantaggio su Pisa e Spezia, era già stato siglato in tutto e per tutto, ed è saltato esclusivamente per una questione di priorità: per il Toro, a mezz'ora dalla chiusura del mercato, era essenziale concentrare ogni scampolo di energia sull'espletazione di tutta la burocrazia relativa all'ingaggio di Simone Verdi, e il resto, cessione di Millico inclusa, sarebbe finito in secondo piano. 

Come affermato dallo stesso Cairo, per il giovanissimo attaccante granata si apre tuttavia la possibilità di un prestito oltre confine. Chiusi tutti i principali fronti di mercato continentali, le piste plausibili sono quelle che portano verso la Bulgaria (fine delle entrate in programma giovedì 5 settembre) e Repubblica Ceca (dove il gong suonerà domenica 8 settembre). E l'entourage di Millico, riporta il quotidiano sabaudo, spinge verso una soluzione che permetta al talentuoso 19enne di giocare con continuità.