Coronavirus, mercato più corto? Non sarebbe un problema. Diverso chiedere il rimborso a Sky

16.03.2020 17:44 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Luca Tumminello
Coronavirus, mercato più corto? Non sarebbe un problema. Diverso chiedere il rimborso a Sky

Il vice presidente e segretario generale dell’ADISE, l'associazione italiana dei Direttori Sportivi, Claudio Molinari, ha parlato a TMW delle eventuali problematiche legate all'inizio e alla chiusura del calciomercato, che potrebbe slittare, soprattutto l'inizio, tenendo conto del fatto che si potrebbero prolungare i contratti ai giocatori fino al 15 luglio e non più al 30 giugno.

“Oggi questo non rappresenta un grandissimo problema. Quindici giorni si recuperano... la chiusura non cambierebbe, il mercato chiuderebbe sempre il 31 agosto. Già la durata è anche eccessiva, ma questo è un altro discorso. Oggi conta risollevarsi, tutti insieme”.

Più grave sarebbe per Molinari se gli utenti Sky chiedessero il rimborso delle partite in tv.

“La salvezza verrà fuori da un patto nazionale tra tutti coloro che amano questo mondo. Faccio un esempio legato al calcio: se si dovesse andare incontro alle richieste di rimborso da parte degli abbonati Sky si innesca un meccanismo di problemi da cui non usciremmo più. Il calcio vive sui contributi derivanti dalle pay tv”.